Un tipo nella media

Alex è un tipo nella media, però non è affatto contento di esserlo. Un giorno riceve un regalo inaspettato e da quel momento la sua vita cambierà.
Casa editrice:
Fasce d’età:
Categoria:
Autore/i: Susie Morgerstern
Illustrazioni: Claude K. Dubois
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Tempo fa è capitato che mio figlio mi chiedesse quale fosse il suo talento, avrà avuto sei o sette anni, allora ci siamo seduti e abbiamo cominciato a pensarci su. Ci guardavamo perplessi, non si trattava di trovare cose che sapeva fare, si trattava di trovare un talento. Alla fine mio figlio mi ha guardato rassegnato, non era riuscito a trovare niente, così ho dovuto spiegargli che, probabilmente, era ancora presto per attribuirsi un qualche talento e che già il solo fatto di chiederselo lo metteva sulla buona strada, quello della ricerca.

Anche Alex, il protagonista di Un tipo nella media, è alla continua ricerca di un modo, una qualità che lo faccia uscire da quella terra di mezzo che è l’ordinarietà. Eppure non c’è nulla di male nell’essere un tipo nella media, altresì è meraviglioso avere voglia di essere straordinari. Alex è così, riconosce i suoi limiti e ha tantissima voglia di superarli. Vorebbe essere più ordinato, meno distratto, più bravo a scuola, meno svogliato, ma non sa come fare. Allora si concentra, ma più si concentra più il pensiero vola da un’altra parte. Si guarda attorno, osserva i suoi compagni di classe e ha un’idea precisa di chi è migliore di lui, Ines per esempio. Uh quanto gli piace!

Poi c’è la sua maestra che gli fa fare tanti temi pieni di domande difficili, eppure, un giorno sarà proprio il tentativo di rispondere a una di queste domande a fargli trovare ciò che cercava, questo e un inaspettato, voluminoso regalo: un pianoforte. Quel mobile così ingombrante e pesante suscita subito la curiosità di Alex e i suoi genitori gli procurano un’insegnante di musica. Certo è difficile, ci vuole tanto impegno e tanta fatica, ma Alex per la prima volta in vita sua è determinato a non mollare e lavora sodo fino a imparare velocemente a suonare le prime cose. Questo lo fa pensare e arriva alla conclusione che ci vuole duro lavoro per fare qualunque cosa. Dunque è questo il segreto o ci vuole altro? All’improvviso Alex si fa un mucchio di domande, è proprio diventato un tipo curioso!

Proprio un bel percorso quello del piccolo Alex, un percorso al quale contribuiscono genitori e insegnante, incoraggiandolo a trovare la sua strada. Infatti, se non si sottolineano i fallimenti non ci si può sentire delle nullità e non si fomentano sentimenti di inadeguatezza e di mancanza di autostima. Perchè quando si è ancora piccoli è importante che gli altri credano in te per poterci credere anche tu.

Ti è piaciuto

"Un tipo nella media"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Favole - Babalibri

Favole

Arnold Lobel presenta una raccolta di venti racconti, ascoltabili grazie all’audiolibro incorporato.

Piccolo Pittore-Babalibri

Piccolo pittore

Per Natale Étienne riceve un regalo inaspettato: una scatola di acquerelli. Il piccolo protagonista scoprirà presto che si tratta di acquerelli magici!

cop-1091x1536

Lucky Joey

Lo scoiattolo Joey vive in un grande parco di New York. Fa il lavavetri sui grattacieli, uno dei lavori più rischiosi in città. Quando la fortuna d’improvviso lo abbandona, i suoi sogni, condivisi con la fidanzata Lena, sfumano nell’arco di poche ore. Sarà l’amicizia di un grande orso buono a regalargli un sogno ancora più bello.

copbalena-895x1024

La balena misteriosa

Il padre di Cuno e Aia racconta loro di aver visto, una volta, una balena gigantesca, sei volte più grande della loro casa. Da allora, Cuno non fa che sognare di vederla e, una mattina, prende il kayak di suo padre e scivola silenzioso nella baia; vuole andare a cercare la balena nell’immensità delle acque artiche! I gabbiani volano sulla sua testa e, nel silenzio, non si sente che lo splash ritmato dei remi. Ma, a un tratto, Cuno si rende conto che la sua sorellina lo ha seguito nascosta nel kayak e non vede l’ora di prendere parte all’avventura. Cuno non è affatto contento ma non immagina quanto Aia sarà importante nell’incredibile, commovente, scoperta che li aspetta.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!