L’isola dei giocattoli perduti (Giunti Editore)

Cynthia Voigt, L’isola dei giocattoli perduti, Giunti

Il libro di Cynthia Voigt, L’isola dei giocattoli perduti, racconta la storia di Teddy, un dolcissimo e intelligentissimo orsetto di peluche, costretto a essere “trasportato” su un carretto rosso, perché non può camminare. Accanto a lui, ci sono l’elefantino Umpah, cuoco provetto, che delizia i suoi amici nel cucinare principalmente muffin, muffin di tutti i tipi (alle banane, alle pesche, ai mirtilli, alle fragole…), il serpente Sid, coloratissimo e affamato, sempre pronto a divorare i muffin di Sid, perché mangiare (e tenere il pancino pieno) è il suo più grande problema, la maialina Prinny, blu a fiorellini bianchi, dolce e gentile, che vive con Zia, che sia occupa di lei, quando non è impegnata a mangiare coni gelato. E poi c’è Peng, nuotatore provetto, che preferisce stare per conto suo, il Signor C, naufragato per caso sull’isola di Teddy, e infine Clara, una bambola elegantissima, che aspira a diventare regina e dettar legge, anche se poi trova un compromesso con i suoi nuovi amici per vivere, sì, in un palazzo sfavillante, ma senza obbligare gli altri a far quello che vuole lei.

Teddy e i suoi amici, come scoprono in un’avventura esplorativa, quasi per caso, vivono su un’isola, e quindi sono interamente circondati dall’acqua. Per Teddy, costretto a dipendere dagli altri, la curiosità è troppo forte, lui vorrebbe avventurarsi oltre la fine della strada in cui sono abituati a fermarsi di solito, vorrebbe correre sotto la pioggia, lasciarsi trasportare dall’acqua, ed arrivare sulla terraferma, o farsi una bella dormita fuori, di notte, sotto le stelle. 

Gli altri però, meno temerari dell’orsetto di pezza, stanno bene dove stanno, e sono convinti che, pur restando lì e facendo cose tranquille e sicure, ci si possa diverte lo stesso. E così, per Teddy e i suoi amici, ogni giorno è una piccola avventura: organizzano pic-nic, imparano a nuotare, giocano a dama, cucinano muffin…

L’isola dei giocattoli perduti è un libro dolcissimo e avventuroso, che ha per protagonisti tanti buffi giocattoli, che, come gli umani, hanno ognuno le proprie aspirazioni, i propri sogni e i propri caratteri. Se Teddy sogna avventure, Zia, come tutte le “mamme adottive”, è cauta e sempre preoccupata. Se Sid ha il terrore di rimanere senza cibo, a Peng, invece, piace starsene da solo, per i fatti suoi, anche se poi passare il tempo con i suoi amici gli piace ancor di più (ma non lo ammetterebbe mai!).

Arricchito da illustrazioni minuziose e dettagliate, il nuovo libro della Voigt (già autrice di Voglio tornare a casa, Una ragazza modello e Le pesti), racconta ai bambini una storia di amicizia e avventura, spiegando loro quanto sia importante aiutare gli altri, come piccoli gesti possano far felice qualcuno giù di morale, ma anche l’importanza di non smettere mai di sognare mondi lontani.

L'autore di questo post

Blogger, accanita lettrice, divoratrice di serie tv e sognatrice incallita. Adoro Londra, i concerti, i dolci e leggere libri, specialmente distopici e fantasy, e aspiro a diventare una studentessa di Hogwarts!

Nessun commento su "L’isola dei giocattoli perduti (Giunti Editore)"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *