Gherd, la ragazza della nebbia (Tunuè)

Per chi ha amato Storie della buonanotte per bambine ribelli: un mondo immerso nella nebbia ma in cui vibra la vita che sarà mutato grazie alla forza dell’amicizia.
Casa editrice:
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Gherd la ragazza della nebbia

Marco Rocchi, Francesca Carità, Gherd. La ragazza della nebbia, Tunué

Gherd è la protagonista di questa storia e già dalla sua immagine in copertina ci rendiamo conto che non è esattamente una “principessa”. Gherd è una guerriera, una vera “bambina ribelle”: vive in un mondo magico, dall’atmosfera nordica, che ricorda i villaggi vichinghi e la cultura druidica. In questo mondo c’è la magia, in particolare quella di alcune preziose pietre magiche che solo alcuni, speciali, individui sanno utilizzare.

Il mondo di Gherd, inoltre, è immerso in una fitta nebbia, risultato di un antico conflitto con la natura causato dall’avidità degli uomini… e, come se non bastasse, la nebbia è popolata di animali pericolosi e feroci, le sacre bestie, quasi dei mostri, che spesso attaccano gli uomini. Questa è la ragione per cui Gherd vive in un mondo in cui la casta più importante è quella guerriera, una categoria dalla quale, però, le donne sono escluse.

Questa è la situazione iniziale, la cosiddetta premessa. E in un mondo mortalmente noioso tutto questo non cambierebbe: ma per fortuna ci troviamo in un’avventura magica con una protagonista forte e coraggiosa e la situazione si capovolge completamente.

Serve tempo per mutare punto di vista e accettare i cambiamenti. Anche quando sono in meglio.

La storia inizia con un evento tragico per Gherd: i suoi genitori muoiono, uccisi da una bestia sacra. La ragazzina si mette in testa di vendicarsi, diventando una guerriera,  solo che non può: non è un maschio. Ma a Gherd questo non importa: è disposta a tutto pur di vendicarsi, anche a lasciare il suo villaggio e iniziare un lungo viaggio in compagnia dell’ultimo essere con il quale si sarebbe mai aspettata di viaggiare: un giovane oracolo che appartiene a un popolo completamente diverso dal suo (non è neanche umano!) e col quale all’inizio le cose non saranno semplici.

Gherd è un personaggio multisfaccettato, il prototipo della ribelle. La cosa bella di questo personaggio è che infrange le regole con una naturalezza incredibile, non ci pensa su due volte. È giovane, è un’idealista: se il mondo non va come vorrebbe, lei si mette in testa di cambiarlo. È un’idea bella e potente, da dare ai ragazzi. L’altra questione è la sua crescita: questa è una storia di formazione, in tutto e per tutto. Gherd all’inizio è una ragazzina inesperta, che sa poco del mondo ed è guidata da una ragione personale e circoscritta (oltre che sbagliata): la vendetta. Man mano che va avanti, man mano che conosce il mondo e si apre agli altri, man mano che diventa “grande” il mondo di Gherd diventa più grande e così le ragioni che la guidano.

Anche l’unione forzata fra Gherd e il giovane oracolo che l’accompagna darà i suoi frutti, in questo senso: l’odio atavico si basa sempre sull’ignoranza e sulla paura e la maniera migliore per sconfiggere i pregiudizi è dimostrarne la stupidità.

Gherd. La ragazza della nebbia è una storia piena di simboli, come le storie più belle si può leggere su diversi livelli narrativi: è un’avventura, una storia di formazione, ci sono momenti tragici, divertenti, epici, commoventi, ma l’idea principale è che l’unica arma contro la paura e i pregiudizi è la conoscenza, lo stare insieme.

 

Ti è piaciuto

"Gherd, la ragazza della nebbia (Tunuè)"?

Allora potrebbe interessarti anche...

tesoro-cigno-nero1

Il tesoro del cigno nero (Tunué)

Guillermo Corral, Paco Roca, Il tesoro del cigno nero, Tunué Un “cigno nero” è un evento che non accade tutti giorni, un momento straordinario, come

per sempre graphic

Per sempre (Tunué)

Assia Petricelli, Sergio Riccardi, Per sempre, Tunué Quella raccontata nel graphic novel Per sempre, edito da Tunué, non è la classica storia d’amore adolescenziale e

ar-men-cover

Ar-Men. L’Inferno degli inferni (Tunué)

Lontano, al largo dell’Isola di Sein, Ar-Men emerge dai flutti.
È il faro più esposto agli elementi e più difficile da raggiungere di Bretagna, e quindi del mondo.
Da qui il soprannome «l’Inferno degli inferni».

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!