Storie di una principessina. Voglio una sorellina

piccola_principessa

Storie di una principessina

Tony Ross, classe 1938, è tra i più noti scrittori e illustratori per ragazzi. Sue le illustrazioni dei libri di molti autori, tra cui Roald Dahl, Paula Danziger e Michael Palin, ma egli stesso è autore oltre che illustratore, come per l’amatissima serie Storie di una principessina.

Storie di una principessina (Little Princess nella versione originale) segue le vicende di una piccola principessa, di 3-4 anni, in ogni volume alle prese con tanti piccoli-grandi traguardi della crescita o anche solo tanti episodi della vita di tutti i giorni (dalla pappa al tenere la luce accesa di notte, dal lavarsi le mani all’abbandono del ciuccio…).

Il primo volume della serie, I Want My Potty, fu pubblicato nel 1986 da Andersen e nello stesso anno in molti altri Paesi (in Italia arrivò nel 1998 Voglio il mio vasino edito da Mondadori e nel 2012 riedito da Lapis) e il suo successo ha anche trasformato i volumi in cartoni animati per la TV inglese.

Voglio una sorellina

In libreria è arrivato un nuovo capitolo della serie, Voglio una sorellina (edito, come gli altri della collana, da Lapis), in cui la Regina, con un pancione ben in vista, annuncia alla piccola principessa che qualcuno sta per arrivare in famiglia.

Principessina è felicissima (il gatto di casa un po’ meno) perché crede stia arrivando un cane. Il Re però le spiega che in realtà è in arrivo un bambino.

“Voglio una sorella!”, diventa da qui in poi la richiesta che non vuol sentir ragioni della bambina.

La ginecologa della mamma le spiega che il sesso del bambino non è una cosa che si decide, potrebbe essere un fratellino.

Un fratello? Assolutamente no, i fratelli sono sporchi e puzzolenti, i fratelli sono prepotenti, hanno i giochi sbagliati… no, in casa per un fratello non c’è proprio posto.

A niente servono le spiegazioni della Cameriera, dell’Ammiraglio e del Primo Ministro: Principessina vuole una sorella e se arriva un maschietto pensa proprio che lo butterà nella spazzatura.

Una corte divertente e strampalata, molto più vicina alle nostre case di un castello, dove il Re, con il grembiule e i guanti, non disdegna di passare lo straccio e l’aspirapolvere, mentre la Regina con la corona sullo scialle va a partorire mano nella mano con il marito premuroso.

Tutti ascoltano con attenzione le rimostranze della piccola principessa e cercano di farle vedere che non tutto è come pensa, ma lei di fratelli proprio non ne vuol sentir parlare.

Che cosa succederà al ritorno in casa del Re e della Regina con in braccio il nuovo componente della famiglia?

Lo scopriremo insieme a lei, l’irresistibile Principessina, con il suo camicione bianco, la corona grande in testa, con il suo spirito cocciuto, battagliero e allo stesso tempo aperto all’ascolto e pronto, giorno dopo giorno, a crescere.

L'autore di questo post

Classe 1982, pugliese, fiorentina d’adozione e con un debole per la Francia. Da quando ho scoperto A. A. Milne e Astrid Lindgren, mi è stato chiaro all’improvviso che cosa avrei fatto da grande e poco importa il fatto che un po’ grande lo fossi già. Da allora mi dedico alla letteratura per l’infanzia e ragazzi, tra studio, letture e i primi passi nel dietro le quinte del mondo editoriale.

Nessun commento su "Storie di una principessina. Voglio una sorellina"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *