Regole di vita per un 13enne alle prese con l'iPhone

Il 28 dicembre 2012 sull’edizione americana dell’Huffington Post Parents è apparso un post un pò particolare di Janell Burley Hofmann, una scrittrice e blogger americana esperta di programmi per migliorare i rapporti famigliari e mamma di cinque figli.

Janell a Natale ha regalato al figlio Gregory un iPhone accompagnato da un vero e proprio contratto, scritto da lei, che ha l’obiettivo di dare delle regole al figlio sull’utilizzo dello smartphone e faccia imparare al ragazzo pregi e difetti della tecnologia. In modo ironico e allo stesso tempo serio e preciso, la scrittrice “impone” al figlio come utilizzare il telefono, pena “l’annullamento della proprietà” del telefono da parte del ragazzo.

Il post ha creato un grande tam tam sui social network, con circa 93.000 Mi piace e circa 25.000 condivisioni su Facebook , a dimostrazione di quanto sia più che mai attuale il dibattito sull’utilizzo della tecnologia da parte dei più giovani.

Ecco qui di seguito i 18 punti del contratto:

1-E’ il mio telefono. L’ho comprato. Pago per questo. Te lo sto prestando. Non sono io la più grande?
2-Conoscerò sempre la password.
3-Se squilla, rispondi. Si tratta di un telefono. Utilizza le buone maniere. Non bisogna mai ignorare una chiamata se sullo schermo appare “mamma” o “papà”. Non sempre.
4-Chiama nelle case altrui a degli orari normali. Le altre famiglie vanno rispettate come noi vogliamo essere rispettati
5- Il telefono non deve essere portato a scuola. E’ sempre meglio avere una conversazione dal vivo con le persone, piuttosto che al telefono.
6- Se cade nelle toilette o per terra o svanisce nel nulla, l’utente è responsabile per i costi di sostituzione o riparazione. Tagliare un prato, fare da baby-sitter, mettere da parte dei soldi ti aiuterà ad essere pronto per qualsiasi emergenza.
7-Non utilizzare questa tecnologia per mentire o ingannare un altro essere umano. Non farti coinvolgere in conversazioni che feriscono gli altri.
8-Non dire nulla tramite il telefono che non diresti di persona.
9-Non dire nulla tramite il telefono che non diresti ad alta voce con i genitori presenti.
10-Nessun porno. Cerca informazioni e condividile tranquillamente con me. Se hai una domanda su qualsiasi cosa, chiedi ad una persona – preferibilmente me o tuo padre.
11-Spegni il telefono in pubblico. Soprattutto in un ristorante, al cinema, o se parli con un altro essere umano. Tu non sei una persona maleducata, non consentire all”iPhone di cambiarti.
12-Non inviare o ricevere immagini di parti intime tue o di altri. Non ridere. Un giorno sarai tentato a farlo, nonostante tu sia molto intelligente. E ‘rischioso e potrebbe rovinare la tua adolescenza, la scuola e la tua vita adulta. E ‘sempre una cattiva idea. Il cyberspazio è vasto e più potente di te ed è molto facile farsi una cattiva reputazione.
13-Non fare sempre foto e video. Non vi è alcuna necessità di documentare tutto. Vivi le tue esperienze. Esse saranno conservate nella memoria per l’eternità.
14-A volte lascia il tuo telefono a casa.  Non è vivo o una tua ‘estensione. Impara a vivere senza.
15-Scarica la musica. La tua generazione ha accesso alla musica come mai prima nella storia. Approfitta di questo dono. Espandi i tuoi orizzonti.
16-Gioca con indovinelli, rompicapi e giochi di parole ogni tanto.
17-Guarda spesso in su; guarda cosa ti accade intorno. Ascolta gli uccelli. Fai una passeggiata. Parla con uno sconosciuto.
18-Sbaglierai e io ti porterò via il telefono. Ci sediamo e ne parliamo. Si inizierà da capo. Tu ed io, stiamo sempre imparando. Io sono nella tua squadra. Siamo sulla stessa barca.

E l’autrice conclude dicendo: “La maggior parte di queste regole non vale solo per l’iPhone, ma vale per la tua vita.”
Ecco spiegato il motivo di tanto successo nel web tra le madri alle prese con ragazzi adolescenti e non solo.

L'autore di questo post

Nessun commento su "Regole di vita per un 13enne alle prese con l'iPhone"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *