La Libertina, ovvero la libreria errante di Giovanni Lauritano

11407316_1608436776101811_4706444571667457180_n

Giovanni, 47enne laureato in Scienze Biologiche con un passato da mimo, bottegaio e libraio, è oggi un felice e soddisfatto venditore ambulante di sogni per bambini. In un’epoca in cui sembra che i sogni siano relegati alle ore notturne e ai giorni di vacanza, o comunque limitati nelle pause brevissime tra le partite alla Play, la sua casetta-libreria è una di quelle belle cose che ci fa sperare che sognare ad occhi aperti, anche quando non te lo aspetti, sia ancora possibile.

11154626_1584583208487168_525584607189780458_o La Libertina, il cui nome rimanda alla libertà propria dei pensieri e dell’immaginazione, ma anche a quella di muoversi senza i vincoli imposti dalle fondamenta e dalle pareti di una comune libreria, è un caravan di 9 metri quadrati, carico di libri per bambini con difficoltà visive o di apprendimento. Si tratta di libri tattili o in braille, messi a disposizione dei piccoli fruitori e dei loro genitori, che vengono accolti all’interno della roulotte provvista di scaffali, cassapanche e persino di una piccola stufa per i più freddolosi, mentre d’estate è possibile sostare all’esterno, sui cuscini di un salottino allestito ad hoc.

Il progetto di Libertina nasce dall’infanzia e da un’esigenza del suo promotore. Giovanni era un bambino timido e imbarazzato per i suoi problemi alla vista che, tuttavia, non gli impedirono di appassionarsi ai libri e alle loro illustrazioni. Questo lo ha portato a sviluppare una spiccata sensibilità per i bambini con difficoltà nella lettura e da qui deriva l’esigenza di stare a contatto con loro, garantendogli pause di sano divertimento, in una dimensione fantastica che non devono andare a cercare perché è lei che va a trovarli, scovandoli nei meandri dei luoghi che questa piccola libreria itinerante riesce a raggiungere.

Libertina è attiva da un anno e per ora si sposta tra Messina, Siracusa e Catania, partecipando a fiere, eventi di vario genere, e sostando presso piazze e luoghi pubblici che contribuisce ad allietare con i colori delle tante copertine di libri che propone. Sarebbe bello se iniziasse a spostarsi al di là dello stretto di Messina, dove nuove avventure attenderebbero lei e tanti altri bambini, pronti ad ascoltare storie, partecipare a giochi e magari anche a qualche magia. In fondo abbiamo il castello errante e forse anche il mago Howl e i suoi universi incantati, per raggiungere i quali basterebbe salire sul predellino di un caravan.

[Le immagini sono tratte dalla pagina Facebook Libertina, libreria itinerante per ragazzi]

L'autore di questo post

Pugliese da sempre, vive stabilmente a Maglie da dove ogni tanto si sposta lasciando cadere briciole per terra, nella speranza di poterle un giorno seguire di nuovo. Se dovesse trovare dei funghi in città, li raccoglierebbe come Marcovaldo e seguirebbe carponi un soriano per apprendere i segreti del regno dei gatti. E, come succede a Marcovaldo (uno dei suoi idoli), sebbene affascinata dai segni delle grandi città, il suo sguardo cade sempre sui formicai brulicanti, i germogli, i frutti sugli alberi, cui si legano i suoi desideri, cogliendo lo scorrere del tempo attraverso i mutamenti delle stagioni. Legge di tutto, cammina tanto, scarabocchia animali e paesaggi con un tratto pop e cresce sentendosi sempre più piccola. La letteratura per l’infanzia è per lei la bella illusione di un mondo in cui un’armonia tra l’uomo e l’ambiente è ancora possibile.

Nessun commento su "La Libertina, ovvero la libreria errante di Giovanni Lauritano"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *