Una storia triste, ma pur sempre una storia

I bambini sanno bene che raccontare fa sempre bene, anche quando la storia da dire è molto triste.
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

In queste settimane sto scrivendo un romanzo che racconta una storia vera accaduta ad Auschwitz, il celebre campo di concentramento nazista. Sembra a molti che su quella terribile esperienza si sia raccontato tutto. A qualcuno sembra che si sia raccontato troppo. Ci penso, a queste obiezioni, mentre racconto una storia che ha molti punti di originalità: una storia che spiazza anche me, mentre la racconto.
 
Leonardo da Vinci diceva che l'arte è uno straordinario strumento di conoscenza. E' una posizione sorprendente: in genere ripetiamo che l'artista si esprime, o comunque esprime qualcosa, con al sua arte. Invece Leonardo diceva che, per esempio, disegnando o dipingendo, lui cercava e scopriva qualcosa dell'uomo, o della natura, o di Dio. Così io scopro qualcosa di Auschwitz, scrivendo su Auschwitz. E scopro che ha ragione Leonardo, quel genio. Se non provi a raccontarlo, non hai davvero provato a capirlo.
 
Vale per ciascuno di noi: finché non ti racconti, non sai tutto quel che c'è da sapere neppure di te stesso. Ed è provando a raccontare gli altri, invece che giudicarli in fretta, che tenti sul serio di conoscerli, di capirli. Con qualche inevitabile sorpresa.
 
Come al solito, son cose che i bambini sanno benissimo. Mia figlia, sempre lei, dieci anni. Racconta volentieri di sé. Meglio starla sempre attentamente ad ascoltare.
 

 

Ti è piaciuto

"Una storia triste, ma pur sempre una storia"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Il mio amico extraterrestre, copertina, Valentina edizioni

Il mio amico extraterrestre

Il nuovo compagno di scuola è decisamente fuori dall’ordinario, non fa altro che chiedere “Perché?” per qualsiasi cosa. Le cose si fanno così, tutti le fanno così, ecco perché.
Ma se il nostro non fosse l’unico modo di vedere le cose?

Beisler-Buchholz-Cè-un-tempo-per-ogni-cosa-cover-HD

C’è un tempo per ogni cosa

Ispirato dai celebri versi dell’Ecclesiaste, Quint Buchholz riflette sul tempo e sul suo incessante incedere con tavole visionarie e simboliche, di grande intensità.

alfabetiere

Alfabetiere delle fiabe

Alcune storie non smetteranno mai di essere raccontate.
Un volume prezioso, per testi e illustrazioni, opera di Fabian Negrin.

passione libri

Passione Libri

Un libro può avere dei poteri straordinari. Tutti gli affetti da “Passione Libri” lo sanno benissimo e lo hanno sperimentato, come la protagonista delle vignette di Debbie Tung.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!