Una mela al giorno

Casa editrice:
Fasce d’età:
Categoria:
Autore/i: Michela Tartaglia
Illustrazioni: Daniele Simonelli
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 1 Media valutazione: 5]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

“Tradurre è tradire e spesso tradurre è come avere una dentiera e non i denti veri, oppure è come indossare la parrucca o altre protesi di vario tipo”, citando Come si fa una tesi di laurea di Umberto Eco, Michela Tartaglia ci introduce a una raccolta di proverbi che l’ha accompagnata per diversi anni e che ora hanno “trovato casa” e una splendida veste in Una mela al giorno, un libro realizzato con la collaborazione, per il book-design, di Marianna Rossi, illustrato da Daniele Simonelli ed edito da Nomos.

Come racconta l’autrice, sempre nell’introduzione, è stato soprattutto il suo trasferimento negli Stati Uniti a far scoccare la scintilla per i proverbi: riuscire a tradurre un determinato proverbio o un modo di dire in una lingua diversa rappresentava una vera e propria sfida, entusiasmante nonostante i tentativi di traduzione spesso si rivelassero fallimentari e bisognosi di spiegazioni, essendo ogni proverbio legato a un determinato contesto socio-culturale e geopolitico.

Curiosità e studio sono quindi alla base di questa piccola antologia che, mettendo a confronto l’italiano con l’inglese, il francese e lo spagnolo, ci permette di sentirci un po’ in viaggio in questi giorni in cui i viaggi ci sembrano qualcosa di ancora lontano.

Come si dice e perché si dice

Il libro presenta una serie di proverbi più o meno noti. Si parte sempre dall’italiano, in una doppia pagina dal fondo bianco in cui a sinistra viene presentato un proverbio accompagnato da una illustrazione e a destra segue una spiegazione (“Ma perché si dice così?”) che lo inserisce il all’interno del suo contesto storico introducendo il confronto con le altre lingue, sottolineando le varie differenze, se presenti.

Seguono quindi due o più pagine (a seconda del numero delle varianti presenti nelle traduzioni) che si distinguono per il fondo colorato e le illustrazioni a tutta pagina; in altro troviamo l’indicazione della lingua considerata e in basso il proverbio o il modo di dire così come si presenta nelle sue diverse versioni.

A volte, come nella famosa mela al giorno che toglie il medico di torno o per a caval donato non si guarda in bocca, le immagini dei proverbi con annessi significati concordano in tutte e quattro le lingue analizzate, altre volte le immagini e i testi si diversificano, legandosi strettamente al contesto culturale di provenienza e rendendo i confronti molto interessanti.

Testi e illustrazioni

Michela Tartaglia, laureata in filosofia a Bologna, vive da anni a Seattle dove la passione per la cucina l’ha portata ad aprire la scuola Cucina Casalinga e il ristorante Pasta Casalinga, attività imprenditoriali che tramite il cibo accorciano le distanze con l’Italia.

Le illustrazioni di Daniele Simonelli hanno un grande impatto visivo, raccontano letteralmente i proverbi creando quindi effetti spiazzanti e sono un valore aggiunto a un testo piacevole e curioso da leggere, ricco di informazioni ma non specialistico al punto da diventare ostico.

Una lettura quindi per tutti, per bambini dai sette-otto anni, ma anche per adulti curiosi sia riguardo l’uso di parole usate comunemente sia riguardo le particolarità linguistiche di altri Paesi.

Ti è piaciuto

"Una mela al giorno"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Invisibile_Nomos Edizioni_bassa_page-0001

Invisibile

“Invisibile” è la storia di Isabel, una bambina la cui famiglia non ha molto. Un giorno Isabel è costretta ad abbandonare la sua casa piena di ricordi felici.

Il viaggio

Il viaggio

Come deve essere strano abituarsi alla normalità, quando sei una bambina fuggita da un Paese in guerra! Ma il viaggio forse comincia all’arrivo, nell’incontro con una vita straordinariamente normale e nell’attesa di qualcuno che hai dovuto lasciare.

nuvolario

Nuvolario

Un viaggio naso all’insù fra le stupende tavole di Susy Zanella e le parole di Sarah Zambello per scoprire fatti scientifici sulle nuvole.

Perdù

Perdù

Riuscirà il piccolo Perdù a trovare un posto da chiamare “casa”? Lo scopriamo in questo albo illustrato, edito da Nomos.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!