Per fare il ritratto di un pesce

Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Leggendo Per fare il ritratto di un pesce, sia la storia, scritta da Pascale Petit, che le illustrazioni, di Maja Celija, mi portano immediatamente a pensare ai dipinti di un grande pittore del Novecento: René Magritte. Già a partire dalla copertina, dove il protagonista è immerso fino alle ginocchia nel mare con in mano un suo quadro, su cui è dipinto il mare stesso. Surrealismo, illusione, sogno e mistero sono le parole che descrivono il lavoro di Magritte e i suoi enigmatici quadri, capaci di insinuare dubbi sulla realtà, su ciò che è reale e su ciò che ne è una rappresentazione.

Credo che il libro di Petit e Celija sia fondato sugli stessi valori e voglia lasciare al lettore lo stesso interrogativo: è tutto vero o è solo un sogno? La vicenda narra due storie: la prima è quella di un pittore, ritratto con in testa un cappello, che ricorda molto una bombetta, il famoso cappello che era solito dipingere Magritte; la seconda è quella di un gruppo di bambini sulla spiaggia che cercano di catturare un pesce e tenerlo in una boccia di vetro, mentre il pittore vorrebbe farne un ritratto. Le due storie si alternano e si intrecciano, mescolandosi fino a un punto che sembra confuso, dove non è ben chiaro se ciò che sta accadendo è frutto del sogno del pittore che si è appisolato in riva al mare o se sta succedendo realmente sotto i nostri occhi.

Una piccola magia si compie quando il gruppo di ragazzini trova la tela abbandonata dal pittore addormentato sulla spiaggia.

Per fare il ritratto di un pesce è edito da Orecchio Acerbo.

Ti è piaciuto

"Per fare il ritratto di un pesce"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Nina cerca storie-Babalibri-Copertina

Nina cerca storie

Nina adora scrivere storie e raccontare le sue avventure. Un giorno succede però che la sua vena creativa non la assiste e inizia ad annoiarsi.

FAASCopertinaSingola-600x817

Il bambino e la balena

C’era una volta un ragazzo a cui piaceva stare da solo. Ma un giorno si addormentò sulla spiaggia e la tempesta lo portò via, finché non arrivò qualcuno. Qualcuno con cui giocare. Qualcuno con cui esplorare. Qualcuno con cui scoprire il mondo.

bianco-e-nero

Bianco e nero

“Bianco e nero” è un libro per neonati firmato dalla fotografa statunitense Tana Hoban.
Realizzato tenendo conto della capacità visiva dei bambini di pochi mesi, è un valido strumento per attivare la loro attenzione, nonché per farli familiarizzare con l’oggetto libro.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!