Nella Casa di Pulcinella

Comincia la nuova stagione del teatro per bambini più amato del capoluogo pugliese e noi abbiamo intervistato Paolo Comentale, l’anima artistica della Casa di Pulcinella.
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Cari Kids, in questa puntata vi porto in un posto che per me è davvero speciale: si chiama la Casa di Pulcinella, si trova a Bari e, devo ammetterlo, se non ci fosse stato forse oggi non sarei qui a parlarvi di teatro.

Quand’ero piccola i miei genitori mi ci portavano sempre, la domenica pomeriggio, e io rimanevo incantata dai miracoli che prendevano vita su quel palco fatato, a misura di bambino. È proprio fra quelle poltroncine che il mio amore per la scena è nato e cresciuto.

Quest’ultima domenica di settembre, con Belladdormentata, ha preso l’avvio la nuova stagione teatrale dedicata al pubblico infantile. Lo spettacolo è stato prodotto dalla compagnia Granteatrino diretta da Paolo Comentale, fondatore della Casa di Pulcinella. Paolo è l’anima artistica del progetto che dal 1983 ha l’obbiettivo di rilanciare il teatro popolare dei burattini,dei pupi e delle marionette – per dirla in una parola, del teatro di figura, una tradizione che conserva ancora oggi tutta la sua magia e la capacità d’incantare i piccoli spettatori parlando alla loro fantasia.

Abbiamo chiesto a Paolo: cosa rende il teatro di figura, di origine antichissima, ancora tanto divertente e attuale per i vostri sempre numerosi spettatori?

– Fino a quando ci saranno storie vere da raccontare, non mancherà mai la passione per ascoltarle. I bambini hanno sete di storie, hanno bisogno di ascoltare fiabe raccontate da una voce amica, che li rassicuri.

Cosa non dobbiamo perderci in questa stagione appena cominciata?

– Quest’anno abbiamo dedicato particolare attenzione al teatro sociale. Da una parte lavoreremo sul territorio: organizzeremo ad esempio, con l’associazione Libera, una giornata teatrale per le vittime della criminalità e del disagio urbano. Dall’altra cercheremo di ampliare i nostri orizzonti: in collaborazione con la ONG Amani di Milano, abbiamo avviato un progetto teatrale che coinvolge i bambini della comunità Kivuli di Nairobi, guidata da padre Kizito, un missionario comboniano che segue con passione gli ex-bambini di strada. Prepareremo uno spettacolo con loro che verrà portato in Danimarca per uno scambio culturale nel 2014.

La Casa di Pulcinella propone anche un’offerta formativa, al di là della stagione teatrale.

Sì, abbiamo laboratori teatrali per bambini, ma anche corsi per giovani burattinai. Perché questo bellissimo e antico mestiere possa essere rinnovato, noi puntiamo sul formare una nuova generazione di professionisti.

Per qualsiasi informazione potete scrivere a [email protected] o visitare il sito www.casadipulcinella.it

Ti è piaciuto

"Nella Casa di Pulcinella"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Nina cerca storie-Babalibri-Copertina

Nina cerca storie

Nina adora scrivere storie e raccontare le sue avventure. Un giorno succede però che la sua vena creativa non la assiste e inizia ad annoiarsi.

FAASCopertinaSingola-600x817

Il bambino e la balena

C’era una volta un ragazzo a cui piaceva stare da solo. Ma un giorno si addormentò sulla spiaggia e la tempesta lo portò via, finché non arrivò qualcuno. Qualcuno con cui giocare. Qualcuno con cui esplorare. Qualcuno con cui scoprire il mondo.

bianco-e-nero

Bianco e nero

“Bianco e nero” è un libro per neonati firmato dalla fotografa statunitense Tana Hoban.
Realizzato tenendo conto della capacità visiva dei bambini di pochi mesi, è un valido strumento per attivare la loro attenzione, nonché per farli familiarizzare con l’oggetto libro.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!