Marmocchi di Lorena Canottiere

Abbiamo intervistato Lorena Canottiere, una bravissima fumettista molto ispirata dal linguaggio dei nostri Kidz, tanto da farne un libro: Marmocchi.
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Qualche settimana fa ho trovato quest’articolo su Panorama.it nel quale veniva presentato il libro Marmocchi di Lorena Canottiere. Lorena è una fumettista che un giorno ha aperto un blog, lo ha chiamato ça pousse, e lo ha usato per pubblicare le sue strisce; da lì è partito tutto, grazie anche ad un’idea davvero originale, quella d’ispirarsi appunto ai marmocchi, al loro linguaggio, al loro modo di ribaltare concetti e realtà attraverso le parole. Vediamo come, direttamente dalle parole dell’autrice che ci ha concesso un’intervista:

A.jpgDirei di cominciare dal tuo blog, da quanto tempo esiste e come mai hai scelto questo nome?

Il blog di ça pousse, su cui pubblico una striscia di fumetto a settimana da tre anni, è stato il mio primo esperimento on line. Ero restia a buttarmi in internet, avevo inchiodati in testa concetti – dignitosissimi ma vecchi- per cui i fumetti andassero stampati su carta e su altri supporti perdessero senso. Ovviamente non è vero, non lo è più. Tra il disegno a mano e il disegno a computer la via giusta è usare tutte e due i mezzi per ciò che offrono: sono molto diversi, hanno possibilità e limiti differenti.

Il blog ha funzionato subito molto bene, molti lettori hanno partecipato con aneddoti riguardanti i propri figli o nipoti, c’è sempre stato un dialogo forte con il pubblico. Dopo un anno è arrivata la proposta  di pubblicare due strisce al mese sulla rivista di fumetti ANIMAls e così ho cominciato a dividere le strisce per il blog e quelle per la rivista, in modo che ovunque ci fossero strisce inedite.

“ça pousse” è un’espressione francese che indica il vigore, la forza e l’esuberanza con cui un germoglio spunta da terra e cresce a vista d’occhio. Si usa anche riferita ai bambini, al loro modo di crescere e mi è subito sembrata perfetta quando ho dovuto scegliere un nome per il blog. Il problema è sorto quando ci si è trovati a dover dare un titolo al libro, in spagnolo e in italiano. In nessuna delle due lingue esiste un’espressione simile (esiste solo in piemontese, mio nonno la usava) perciò abbiamo cercato una parola che descrivesse i bambini più che il loro modo di crescere con entusiasmo ed energia infinite: in italiano è diventato Marmocchi e in spagnolo Personitas.

B.jpg
Raccontarci come e quando hai cominciato a disegnare e quando ti è venuta in mente l’idea di lasciarti ispirare dai nostri pargoletti.

Il progetto “ça pousse” è nato per puro divertimento personale. Ho cominciato ridendo delle cose che dicevano mio figlio e i suoi amici e poi mi sono resa conto che non erano solo risate fini a se stesse. I bambini che avevo attorno delineavano il mondo in maniera del tutto inaspettata, a tratti con la genialità e l’irriverenza di un giullare, rompendo schemi che io stentavo addirittura a riconoscere. Perciò ho cominciato a segnarmi quel che dicevano e a tradurre il tutto in forma di striscia a fumetti. Il passo successivo è stato pubblicarle sul blog.

CD.jpg

È stato facile far pubblicare il tuo libro? 

Per arrivare alla pubblicazione della raccolta c’è voluto Diabolo Ediciones, al quale il progetto è piaciuto subito pubblicando il libro in Spagna; successivamente la Diabolo ha deciso di proporsi come casa editrice anche in Italia con tre pubblicazioni tra cui, appunto, “Marmocchi”.

Normalmente si pensa che, avendo il materiale disegnato, il libro sia finito, pronto da mandare in stampa, invece c’è ancora molto lavoro da fare. Per questo libro si è trattato innanzitutto di curare la traduzione, cosa non facile visto che sono i bambini a parlare, spesso storpiando idee, logiche e parole; poi la suddivisione in capitoli (sul blog sono in ordine cronologico: mi annoto una battuta che ascolto, la disegno e la pubblico), la riscrittura a mano del testo tradotto, l’impaginazione, le illustrazioni aggiuntive.

C.jpg

Nel periodo natalizio i marmocchi tirano fuori il meglio, ne sono un esempio le strisce che ci hai regalato e di cui ti ringraziamo molto.

Sì, ci sono argomenti “caldi”  e il Natale è uno di questi! Grazie a voi e Buon Natale a tutti i Marmocchi.

Un libro delizioso di un’autrice deliziosa, un’idea carina ed originale da far trovare sotto l’albero a grandi e piccini.

Tutte le immagini appartengono a Lorena Canottiere e sono coperte da copyright

Ti è piaciuto

"Marmocchi di Lorena Canottiere"?

Allora potrebbe interessarti anche...

IL-CAVALIERE-SAPONETTA-RE-DI-SPUGNA_Sinnos

Il Cavaliere Saponetta. Re di Spugna

Il Cavaliere Saponetta un giorno vince alla tombola il regno di Spugna: un intero paese che non può che essere pulitissimo e abitato da sudditi gentilissimi… o no?

Gossamer

Gossamer

Un racconto delicato e sorprendente in cui l’autrice ci porta per mano nel magico mondo dei sogni

bimbo birbone

Bimbo birbone e la sua mamma

Bimbo birbone ogni giorno ne combina una nuova: che spavento per la sua mamma e che gioia, ogni volta, nel ritrovarsi e crescere insieme.

Il tè della nonna

Il tè della nonna

Tino e il suo papà vanno a trovare la nonna, sarà una visita ricca di sorprese per il piccolo topolino.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!