Le valigie di Auschwitz: dalla libreria al teatro

In libro per Kids di Daniela Palumbo nato dopo una visita ad Auschwitz arriva anche a teatro: per non dimenticare, MAI.
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Una visita al campo di sterminio di Auschwitz ha cambiato la vita a Daniela Palumbo. In lei nasce il desiderio di raccontare le storie immaginate ma tragicamente realistiche, che le attraversano la mente in quell’occasione.

Pensa così a quattro bambini che nell’Europa dilaniata dalle leggi razziali vivono sulla loro pelle l’orrore della deportazione: questo è Le valigie di Auschwitz, un romanzo intenso (ora anche in ebook) che porta il lettore – Kid o adulto –  a riflettere su un capitolo della storia che NON deve e NON può essere dimenticato. Un’opera indirizzata ai ragazzi dedicata alla Shoah, dalla quale emerge uno stile asciutto e lucido che commuove e vuole fare riflettere: un segnale in più per non dimenticare l’orrore dei campi di sterminio.

image003

Dopo aver vinto come testo inedito il Premio letterario Il Battello a Vapore nel 2010 – concorso rilanciato dalle edizioni Piemme dopo un decennio dallociclo di premi che aveva rivelato nuovi talenti della letteratura per ragazzi – nel 2011 ha partecipato a numerosi premi letterari e ha conquistato il primo posto nel premio Laura Orvieto, ne Il Gigante delle Langhe e Le Terre del Magnifico. Inoltre, il libro ha ricevuto un riconoscimento non indifferente nell’ambito della letteratura per ragazzi: è  fra i dodici titoli italiani entrati nel catalogo della selezione europea White Ravens 2012, a cura della Jugendbibliotek di Monaco.

Le valigie di Auschwitz è ora diventato anche uno spettacolo teatrale, a cura del Teatro del Sole: il testo per le scene è firmato dalla stessa autrice Daniela Palumbo e dal regista della compagnia, Antonio Rota. I racconti rappresentati sono tre: la storia francese con Emeline, la Polonia con Dawid e, infine, quello italiano, con il protagonista Carlo.

 In concomitanza con la ricorrenza del Giorno della Memoria, lo potete vedere il 7 febbraio, presso il Comune di Nonantola, Modena, ma stanno per essere annunciate molte altre date!

Ti è piaciuto

"Le valigie di Auschwitz: dalla libreria al teatro"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Beisler-Núria-Parera-Storia-di-una-valigia-cover

Storia di una valigia

Quali storie ci racconterebbe una valigia se potesse dirci quali mani l’hanno afferrata, quali strade ha percorso e perché? La storia di una valigia racchiude tante storie e la prima inizia in Spagna, sui Pirenei…

Rex Dexter e l'incredibile pollo fantasma_cover

Rex Dexter e l’incredibile pollo fantasma

Un videogame misterioso e un pollo morto: iniziano così le disavventure di Rex, che per il giorno del suo compleanno desiderava solamente un cagnolino color cioccolato.

tra foglie e fogli

Tra foglie e fogli. Il mio erbario

Trifoglio, rosa selvatica, acero campestre, sambuco, papavero, iperico, salice bianco… queste e altre piante sono le protagoniste di un vero e proprio erbario (ma non solo!) dedicato ai piccoli esploratori della natura.

Anastasia di nuovo! - 21lettere copertina

Anastasia, di nuovo!

Per Anastasia è tempo di traslocare in periferia. Dall’alto dei suoi dodici anni sa benissimo quali cambiamenti comporterà, e quindi via che inizia il piano per dissuadere i suoi genitori a rivedere questa loro decisione un pò precipitosa!

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!