Le catacombe del mistero

Quando a raccontare le storie ai kids ci si mettono anche le mummie!
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

“Avverto come uno scricchiolio perenne alla giuntura del ginocchio destro. Neanche le ossa del mignolo sinistro, se è per questo, stanno troppo bene. Il mio vestito, poi, è bucherellato come un pezzo di groviera. Entrano spifferi da ogni dove…” Con le parole di un simpatico Fra’ Silvestro da Gubbio inizia Le catacombe del mistero, libro “d’esordio” della neo-nata Navarra junior, nuova collana di narrativa per ragazzi di Navarra Editore. Diretta da Giorgio di Vita – ormai da vent’anni tra le fila dei disegnatori disneyani, quindi avvezzo al mondo dei bambini -, la collana (e i suoi ideatori) punta in alto e si prefigge un obiettivo tutt’altro che semplice: in una sorta di gioco alla rovescia, chiede aiuto alla lettura – e alla letteratura – per avvicinare bambini e ragazzi ai temi più impervi della vita sociale, come quelli legati alla legalità, alle questioni di genere, all’immigrazione e alla valorizzazione del territorio. Una vera e propria educazione all’etica, insomma. Un progetto importante e raro all’interno del panorama dell’editoria italiana per l’infanzia, che già con questo suo primo libro è partito con il piede giusto.

Con piglio spensierato, Alessia Franco racconta la bizzarra avventura di Dario e Giada, che in visita alle Catacombe dei Cappuccini di Palermo si troveranno a vivere, per caso insieme, un’esperienza a dir poco curiosa. In questo luogo macabro e a tratti pauroso, ma insieme incredibilmente suggestivo, simbolo della città siciliana e della sua storia, Dario e Giada incontreranno personaggi surreali e stravaganti: le mummie di Fra’ Silvestro, della Signora Moglie e del Signor Marito, dell’aristocratico Uomo Falena, del dongiovanni Antonio Prestigiacomo, e di molti altri ancora. Ma solo i due giovani visitatori, buoni di cuore, sono stati scelti per ascoltare le storie dei vecchi abitanti delle Catacombe, storie vere e appassionanti, a cui però purtroppo nessuno presta più attenzione. Per questo Dario, giovane ricercatore universitario, amante della sua terra e delle sue tradizioni, decide di aiutarli facendo nuovamente crescere l’interesse per questo luogo. E alla fine… Mh, no, la fine non posso proprio raccontarvela!

Questo agile volumetto è la giusta lettura per bambini curiosi, fantasiosi e magari un poco appasionati di storia. E che abbiano una buona capacità di lettura, sì insomma dai 10 anni in su (forse gli 8 anni indicati in quarta di copertina sono pochi). Come detto la storia raccontata è semplice e leggera, nonostante nel testo ci siano in alcuni casi parole difficili e riferimenti a personaggi storici realmente esistiti, di cui però viene sciolto il significato o narrate brevemenete le vicende biografiche grazie a richiami colorati posti a margine del foglio. Queste piccole note seppure possono spezzare la continuità della lettura, sono utilissimi ai giovani lettori per comprendere al meglio la storia. Quasi fumettistiche sono le illustrazioni – realizzate da Andrea Domestici – che con leggero humour accompagnano piacevolmente il testo.

Un’ottima idea quella dell’autrice, Alessia Franco, che si inserisce perfettamente nel nuovo progetto di Navarra Editore, perché con una storia inedita e divertente cerca di far conoscere qualcosa di “nuovo” (dimenticato?) della sua Sicilia, della sua storia, delle sue tradizioni.

Ti è piaciuto

"Le catacombe del mistero"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Achille cane quadrato, copertina

Achille cane quadrato

Il cagnolino Achille ci racconta come ha trovato la sua forma un pò inconsueta, ma assolutamente felice.

una mela al giorno nomos

Una mela al giorno

“Tradurre è tradire e spesso tradurre è come avere una dentiera e non i denti veri, oppure è come indossare la parrucca o altre protesi

Tenere_NE

Teneré

Siamo in Tunisia. Teneré, un giovane fennec, fugge dallo zoo e si nasconde nello zaino di Matteo, che è in vacanza con i genitori. Tra il bambino e l’animale comincia un’amicizia davvero speciale, tra oasi e dune, personaggi loschi e storie dimenticate, inseguimenti e voglia di libertà.

mi ricordo di te giunti

Mi ricordo di te

Una storia sulla dolcezza dei ricordi tra un nonno e la sua nipotina

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!