La piuma viaggiatrice/7

Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Buon lunedì, kids!

Torna l’appuntamento con i ragazzi del Nuovo Collegio della Missione di Cagliari e la rubrica, da loro curata, Scrivere mi piace. Continuano le prove di scrittura creativa nate da un’esperienza scolastica, introdotta, qui di seguito, dall’insegnante Stefania Mancosu!

Dopo aver letto alcuni brani del libro di Giorgio Faletti La piuma, ho chiesto ai ragazzi della prima media D ed E di inventare delle storie che avessero come protagonista una piuma. Queste sono le sue strabilianti avventure…

piuma_faletti

Leggera come una piuma

In una giornata di sole una piuma bianca come la neve errava nel cielo azzurro. Dall’alto poteva osservare il mondo intero, che vedeva così piccolo da rimanere meravigliata. Vagabondava in libertà nell’azzurro più immenso da qualche tempo in cerca di compagnia e di avventure, sin quando il vento, con un leggero soffio, la portò giù verso la terra  e la spinse sul davanzale di un palazzo ornato d’oro, con una grande parete verde e un tetto fatto con tegole rosse e arancio. La piuma entrò nel palazzo e finì in una stanza dai muri d’argento e porpora, sulla destra un grande letto a baldacchino costruito con legno di ciliegio, sopra il letto una trapunta di cotone. Dall’altra parte della stanza una grande scrivania dietro alla quale stava une re dagli occhi austeri; il re sorseggiava il tè in una tazza d’oro e d’argento. Quando il re vide la piuma le si avvicinò e la prese tra le sue grandi mani, soffiò e la piuma volò via dalla finestra, mentre il re la guardava con gli occhi tristi. La piuma così riprese il suo viaggio, attraversò il mare, le montagne e infine arrivò in un campo di grano. Qui i contadini, che raccoglievano il raccolto, quando la videro fermarono il loro lavoro per  salutarla. La piuma continuò il suo viaggio e, solo quando fu stanca di meravigliarsi, decise che era il momento di finire il suo viaggio, arrivò in un prato verde lì si adagiò al calore dei raggi del sole; il suo viaggio era finito.

Anita Melis, Iª E

Grazie a Giulia Serra, classe 1ªD, per l’immagine di copertina!

Ti è piaciuto

"La piuma viaggiatrice/7"?

Allora potrebbe interessarti anche...

tito pepita litigio

Il grande litigio di Tito e Pepita

Tito e Pepita vivono uno di fronte all’altro, sulle due opposte rive di un fiume, e… si detestano!
Un giorno Tito ha un’idea: perché non dichiarare tutto il proprio odio a Pepita? Inizia così una fitta corrispondenza in rime, a suon di insulti, fino a quando una mattina, Tito non riceve nessuna lettera dalla sua vicina. Che cosa le sarà successo? Mancanza di ispirazione?
Un libro tutto da ridere.

HO-CATTURATO-UNO-GNOMO_WEB-1-768x977

Ho catturato uno Gnomo

Gli gnomi sono adorabili: simpatici e carini, sempre pronti ad aiutare e a dare consigli utili.
Ma non è questo il caso. Non provate a catturare questo gnomo: arriveranno solo guai, disastri, imbrogli.
Aprite il libro con molta attenzione!

scatola-sogni

La scatola dei sogni

La storia del cinema raccontata da un giovanissimo proiezionista tra scienza, tecnica e amore.

cuoco delle emozioni

Il Cuoco delle emozioni

C’è una cittadina in cui i ristoranti sono tutti buonissimi, eppure, capitando da quelle parti, vi consiglierebbero tutti l’unica trattoria… in cui non si mangia.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!