La “nuova cultura” dei nostri ragazzi: dobbiamo iniziare a convincercene sul serio

E se i ragazzi di oggi, che in massima parte non leggono, stessero costruendo una nuova cultura? A questo punto, lo speriamo.
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

I nostri figli, in grande maggioranza, non leggono volentieri. Non è, insomma, la prima cosa che viene loro in mente quando pensano a come passare un'ora libera. Più interessanti, a quanto pare, internet, i videogiochi. E soprattutto i socialnetwork (a cominciare già dalla prima o seconda media).

Son cose note. Ma adesso si fa strada tra gli esperti l'idea che i ragazzi, proprio con le loro passioni diverse dalle nostre, non stiano semplicemente fuggendo dalla “cultura”, vista come un'occupazione pesante e poco divertente. No: probabilmente stanno costruendo una nuova cultura. E si tratta di una cultura davvero nuova, in cui:

– la superficie conta più della profondità… ma le superfici non sono maschere immobili che impediscono il contatto con la realtà “vera”. Le superfici cambiano continuamente, evolvono, si arricchiscono di nuovi aspetti e si dissolvono (ma mai completamente). E i ragazzi sono rapidi nel seguire questa evoluzione: esperti di sorvolo, e quindi, a poco a poco, padroni di una vasta carta geografica. Più vasta di quanto noi adulti possiamo mai aver posseduto in passato;

– le emozioni contano più delle informazioni. Conta dunque più “sentire” la realtà che inscatolarla in parole, schemi, categorie. E questo è un punto decisivo e forse davvero innovativo: quante nozioni, quante “esperienze” intellettuali ci hanno toccato, in questi anni (parlo sempre a noi adulti) e non ci hanno cambiato? Forse i ragazzi ci stanno insegnando che un sapere che non ti scuote semplicemente non è un vero sapere: magari abbiamo a che fare con una verità, ma se non sei tu a diventare “vero” grazie ad essa, conta ben poco;

– i confini vengono meno e interessano le persone, tutte, solo in quanto persone. Dunque una cultura davvero universale, finalmente;

– infine: una cultura in cui tu sei sempre protagonista. E lo sei in quanto membro di una comunità viva, anche questa in costante evoluzione.

Sarà così? Mio figlio adolescente che si “cretinizza” a colpi di facebook sta con-creando una nuova cultura? Anzi: “la” cultura del futuro?

Lo spero, a questo punto. E insieme spero, e credo, che un giorno, magari tra qualche anno, se sapremo aspettare, mio figlio e qualcuno dei suoi compagni verrà da me, verrà da noi a chiedermi notizie sulla mia, di cultura: quella dei libri, certamente, ma anche quella della manualità, della terra, del ferro e del sudore.

Nella nuova cultura – già un po' mi ci vedo- sarò un vecchio saggio. Perciò ho cominciato a farmi crescere la barba.

Ti è piaciuto

"La “nuova cultura” dei nostri ragazzi: dobbiamo iniziare a convincercene sul serio"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Il mio amico extraterrestre, copertina, Valentina edizioni

Il mio amico extraterrestre

Il nuovo compagno di scuola è decisamente fuori dall’ordinario, non fa altro che chiedere “Perché?” per qualsiasi cosa. Le cose si fanno così, tutti le fanno così, ecco perché.
Ma se il nostro non fosse l’unico modo di vedere le cose?

Beisler-Buchholz-Cè-un-tempo-per-ogni-cosa-cover-HD

C’è un tempo per ogni cosa

Ispirato dai celebri versi dell’Ecclesiaste, Quint Buchholz riflette sul tempo e sul suo incessante incedere con tavole visionarie e simboliche, di grande intensità.

alfabetiere

Alfabetiere delle fiabe

Alcune storie non smetteranno mai di essere raccontate.
Un volume prezioso, per testi e illustrazioni, opera di Fabian Negrin.

passione libri

Passione Libri

Un libro può avere dei poteri straordinari. Tutti gli affetti da “Passione Libri” lo sanno benissimo e lo hanno sperimentato, come la protagonista delle vignette di Debbie Tung.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!