La giustificazione VIP

E se le giustificazioni le firmassero i VIP anche da noi?
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Tyler Sullivan, di Honeywell,  ha 11 anni e venerdì scorso ha saltato le lezioni per andare insieme a suo papà a seguire un comizio di Obama: lì ha persino avuto l'occasione di salutarlo così gli ha chiesto se poteva scrivergli la giustificazione da consegnare alla preside. 

Il Presidente non se l'è fatto ripetere due volte, presa carta e penna ha scritto "Gentile Signor Preside, la prego di giustificare Tyler perchè era con me!" firmato niente meno che Barack Obama, Presidente degli Stati Uniti.

Di sicuro, visto che la notizia ha fatto il giro del mondo, il preside non avrà esitato ad accettare l'insolita giustificazione, solo che pensavo… e se la cosa si ripetesse?

Mi spiego meglio: essendo noi un popolo di fantasiosi emulatori, non vorrei che la moda si diffondesse e i presidi si trovassero di fronte a cose del tipo:

Caro signor Preside, ieri Carlo non è venuto a scuola perchè suo papà aveva la finale di calcetto – firmato l'allenatore.

O ancora, rivolto all'insegnante di Matematica:

Gentile professore, ieri Marco non ha potuto svolgere gli esercizi da lei assegnati perchè la mamma lo ha portato con sé al mio concerto – firmato Lorenzo Jova

Oppure, restando in politica:

Caro insegnante, non rompa le scatole, ieri Franceso era con me! – firmato Beppe Grillo.

Insomma, forse è il caso di dire: meno male che scuola sta finendo!

 

Ti è piaciuto

"La giustificazione VIP"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Achille cane quadrato, copertina

Achille cane quadrato

Il cagnolino Achille ci racconta come ha trovato la sua forma un pò inconsueta, ma assolutamente felice.

una mela al giorno nomos

Una mela al giorno

“Tradurre è tradire e spesso tradurre è come avere una dentiera e non i denti veri, oppure è come indossare la parrucca o altre protesi

Tenere_NE

Teneré

Siamo in Tunisia. Teneré, un giovane fennec, fugge dallo zoo e si nasconde nello zaino di Matteo, che è in vacanza con i genitori. Tra il bambino e l’animale comincia un’amicizia davvero speciale, tra oasi e dune, personaggi loschi e storie dimenticate, inseguimenti e voglia di libertà.

mi ricordo di te giunti

Mi ricordo di te

Una storia sulla dolcezza dei ricordi tra un nonno e la sua nipotina

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!