Il volo della famiglia Knitter / Guia Risari-Anna Castagnoli

Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Forse – si diceva la famiglia Knitter – il loro volo non sarebbe mai finito. Forse, una volta che hai imparato a volare non puoi più restare a terrail-volo-della-famiglia-knitter_cover

Il volo della famiglia Knitter è azzurro e leggero, come il cielo.

Volare è un attitudine dell’anima, ma quando la famiglia Knitter si alza in volo la prima volta non lo fa certo metaforicamente: guidati dal loro canarino in un pomeriggio di caldo irrespirabile, i Knitter guardano il cielo, aprono le braccia e si librano nell’aria. Certo, all’inizio ci si può far male, quando ancora non si è trovata la misura delle proprie ali e lo slancio del corpo non si accorda alle correnti incorporee: volare, in fondo, non significa cambiare se stessi e così ognuno vola con il proprio stile.

Papà ha il fisico stagno e pesante di tutti (o quasi) i papà e perciò tiene la rotta, preciso e saldo come un condor. Mamma è una tortora leggiadra. Il figlio Knitter senior sbatte le ali inquiete come un passero e Knitter junior frulla come solo le rondini, con le loro volute strette, sanno fare. Anche cane e gatto annaspano nel liquido del cielo. La famiglia Knitter, che vola dietro un canarino, forse non è elegante, certo è uno spettacolo insolito, ma che importa quello che gli altri pensano, quando sai volare?

Tra i colori pastello delle pagine, tra i tratti veloci di disegni che sembrano portati dal vento, i Knitter viaggiano “in modo economico, naturale e divertente”. Sorvolano “laghi scintillanti, boschi fitti come tessuti”. Fanno sosta sulle nuvole, sempre più in alto di tetti e ciminiere dentro cui muore qualsiasi altezza di cielo.

Vagano sui flutti salati del mare in tempesta. Volano verso un’isola che emerge in mezzo all’acqua, come l’isola di un paradiso perduto. Atterrano su “cuscini di muschio”. Si tuffano nell’erba. Com’è facile la felicità.

Ma giunge sempre il momento del ritorno.

I Knitter guardano l’orizzonte, si guardano, il canarino li guarda. Aprono le ali della loro anima e s’immergono in un volo oltre l’orizzonte.

Una destinazione non c’era. C’era solo la gioia di volare.

Il volo della famiglia Knitter, scritto e illustrato da Guia Risari e Anna Castagnoli (edito in Italia da Bohem Press) è un album illustrato in cui la gioia di fondersi con la natura è raccontata attraverso le immagini più che le parole: nel blu denso su cui si chiude il volo infinito della famiglia Knitter proviamo anche noi, infinita, la voglia di volare.

Ti è piaciuto

"Il volo della famiglia Knitter / Guia Risari-Anna Castagnoli"?

Allora potrebbe interessarti anche...

robot

Perché i robot sono stupidi?

La robotica spiegata ai bambini da Federico Taddia e dalla ricercatrice Barbara Mazzolai, un argomento di grande attualità reso accessibile ai giovanissimi.

copbalena-895x1024

La balena misteriosa

Il padre di Cuno e Aia racconta loro di aver visto, una volta, una balena gigantesca, sei volte più grande della loro casa. Da allora, Cuno non fa che sognare di vederla e, una mattina, prende il kayak di suo padre e scivola silenzioso nella baia; vuole andare a cercare la balena nell’immensità delle acque artiche! I gabbiani volano sulla sua testa e, nel silenzio, non si sente che lo splash ritmato dei remi. Ma, a un tratto, Cuno si rende conto che la sua sorellina lo ha seguito nascosta nel kayak e non vede l’ora di prendere parte all’avventura. Cuno non è affatto contento ma non immagina quanto Aia sarà importante nell’incredibile, commovente, scoperta che li aspetta.

copPapa-1020x1024

Dai papà!

Cosa succede a un papà quando il suo piccolo, di prima mattina, lo sveglia saltando felice sul letto? Succede che deve correre al parco alla velocità di un aeroplano, giocare a pallone, comperare la merenda, andare sullo scivolo e poi sull’altalena e, mentre tornano a casa, ascoltare i mille progetti per il giorno dopo del suo piccolo, mentre lui lo tiene per mano e gli dice che è il papà più bravo del mondo. Ma finalmente, una volta a casa, lo aspettano una bella poltrona e una coperta morbida, giusto il tempo di rilassarsi, chiudere gli occhi e… Matthieu Maudet, come sempre, sorprende, incanta, strappa un sorriso complice a tutti i papà, e non solo!

9788876095009

Rolando Lelefante sulla neve

Rolando Lelelefante ama l’inverno, il freddo e la neve e in questa nuova avventura scopriremo le sue qualità di sciatore e di creatore di pupazzi di neve.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!