Il gioco dei tappi

Tutto ciò che occorre fare, per giocare, è disegnare/costruire un percorso, una sorta di semplice e spartana pista sulla quale far muovere i propri tappi.
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Da ragazzini, per divertirsi basta poco, si sa. Tutto ciò che serve è infatti una bella dose di fantasia e creatività, caratteristiche che, soprattutto nei più piccoli, non mancano mai.
Tra le mani di un bambino anche l’oggetto più semplice, magari insignificante per gli occhi di un adulto, può trasformarsi in un piccolo scrigno di divertimento. Come un semplice tappo, per esempio. Per intenderci, uno di quei cosi metallici che stappiamo in continuazione da bottigliette di birra o coca-cola. Una manciata di tappi, ed il gioco è fatto. Letteralmente.

Diffusosi in Italia durante gli anni del dopoguerra, in concomitanza all’introduzione e diffusione dei tappi metallici a corona (oggi sempre più rari, ormai sostituiti dai più pratici ed economici tappi in plastica), il gioco dei tappi, chiamato anche ciclotappo, ha probabilmente segnato l’infanzia della gran parte dei ragazzini cresciuti durante quegli anni. Tant’è che ancor oggi, nostalgici signorotti un po’ in là con l’età non trovano nulla di male (e ci mancherebbe!) nel riunirsi in piccoli club e circoli amatoriali “del tappo”, nei quali lasciarsi liberamente andare ai ricordi.
 Il nome di ciclotappo è figlio dell’allora usanza d’incollare sulla parte interna del tappo i volti di importanti ciclisti, per poi portare in scena quelle grandi gare di ciclismo che, durante gli anni ’50 e ’60, un po’ come oggi per il calcio, esercitavano un grande fascino su larghissime fasce della popolazione italiana.

Giocare al ciclotappo è semplicissimo.
Tutto ciò che occorre fare, come se si stesse giocando con le classiche biglie, è disegnare/costruire un percorso, una sorta di semplice e spartana pista sulla quale far muovere i propri tappi. Tappi che, a turno, bisogna far avanzare colpendoli con un poderoso schiocco di dita, cercando, naturalmente, di non farli finire fuori percorso o impantanarli in eventuali ostacoli. Vincitore è colui che riesce per primo a spezzare il traguardo. Proprio come in un vero giro d’Italia.
Su, mano ai tappi che si inizia! 

Ti è piaciuto

"Il gioco dei tappi"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Il mio amico extraterrestre, copertina, Valentina edizioni

Il mio amico extraterrestre

Il nuovo compagno di scuola è decisamente fuori dall’ordinario, non fa altro che chiedere “Perché?” per qualsiasi cosa. Le cose si fanno così, tutti le fanno così, ecco perché.
Ma se il nostro non fosse l’unico modo di vedere le cose?

Beisler-Buchholz-Cè-un-tempo-per-ogni-cosa-cover-HD

C’è un tempo per ogni cosa

Ispirato dai celebri versi dell’Ecclesiaste, Quint Buchholz riflette sul tempo e sul suo incessante incedere con tavole visionarie e simboliche, di grande intensità.

alfabetiere

Alfabetiere delle fiabe

Alcune storie non smetteranno mai di essere raccontate.
Un volume prezioso, per testi e illustrazioni, opera di Fabian Negrin.

passione libri

Passione Libri

Un libro può avere dei poteri straordinari. Tutti gli affetti da “Passione Libri” lo sanno benissimo e lo hanno sperimentato, come la protagonista delle vignette di Debbie Tung.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!