Il Cuoco delle emozioni

C’è una cittadina in cui i ristoranti sono tutti buonissimi, eppure, capitando da quelle parti, vi consiglierebbero tutti l'unica trattoria... in cui non si mangia.
Casa editrice:
Fasce d’età:
Categoria:
Autore/i: Daniele Bergesio
Illustrazioni: Massimiliano Di Lauro
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 1 Media valutazione: 5]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Che cosa ci sarà oggi nel menu del Cuoco delle emozioni?

È proprio un’esplosione di emozioni quella che si dipinge sul volto di chi assaggia un suo piatto. Per darcene un’idea, Massimiliano Di Lauro dedica una doppia pagina al primo piano del volto di uno dei tanti avventori della trattoria di questo cuoco speciale: occhi spalancati, bocca aperta, tanta meraviglia, stupore e intorno uno scoppio di colori… 

Il Cuoco delle emozioni di Daniele Bergesio, edito da Settenove, ci racconta una storia inaspettata, quella di una cittadina dove, pur essendoci tanti ristoranti buonissimi, tutti consigliano sempre una trattoria… dove non si mangia. Qui il Cuoco delle emozioni propone piatti unici per chi si siede ai suoi tavoli: sono piatti che, appunto, non si mangiano o almeno non nel modo tradizionale. Come dice il suo stesso nome, il Cuoco cucina emozioni.

Ogni giorno sulla lavagna della trattoria c’è un nuovo piatto: il menu cambia quotidianamente rispecchiando così la varietà delle emozioni, che sono dei tipi più diversi e, soprattutto, non sempre positive. Ci sono il coraggio, l’entusiasmo, ma anche la rabbia, l’impazienza, la nostalgia… tutte le emozioni fanno parte di noi, uomini e donne di qualunque età, e per questo la trattoria ha un grande successo.

Ma come fa il cuoco a rendere speciali i suoi piatti? Per (quasi) tutti è un mistero l’ingrediente segreto alla base della sua cucina e resterà un mistero anche per voi (non vorrete mica scoprirlo da me?) fino a quando non leggerete la storia di questo posto speciale. 

Autore e illustratore

Daniele Bergesio, che abbiamo già conosciuto sulle nostre pagine grazie a Favole Turbo dei Fratelli BrummUna partita in ballo, Il mago Borbotti, La balena LoredanaL’ascensore, ci regala anche qui un testo che colpisce per sensibilità e originalità. Non sappiamo se sia bravo ai fornelli, ma certamente è anche lui, con la sua scrittura, un Cuoco delle emozioni, capace di conoscere, viaggiare, osservare riportando sulla pagina incontri, storie e sentimenti diversi, così come varia è la vita di ciascuno di noi. Ci vuole fantasia ed estro per mettersi al servizio di una storia, oltre al piacere della scrittura, tutti elementi che traspaiono tra le sue pagine. Bergesio è inoltre un autore che, anche una volta mandato in stampa il volume, resta in ascolto delle sue storie, per scoprire come queste possano essere recepite dai piccoli lettori o per leggerle lui stesso (maestre e maestri all’ascolto, lo contatterei per parlare in classe, attraverso i suoi libri, di storie, emozioni, stereotipi di genere, il tutto condito da un po’ di divertimento collettivo).

Ad accompagnare felicemente il testo ci sono le illustrazioni di Massimiliano Di Lauro (di lui vi abbiamo parlato per Ago. Storia di un capitano) che ben esprimono la grande quantità di emozioni mescolate nei piatti di questa speciale trattoria. Da scodelle e padelle esplodono colori accesi, il cuoco ha un corpo molleggiato, quasi da cartone animato, con una caratteristica fissa che ne esprime la generosità, lunghe braccia e grandi mani, ideali per accogliere le emozioni e ridonarle. Per dare corpo ai sentimenti messi in padella, troverete tra gli avventori anche personaggi celebri (dello sport, della storia, della scienza…) e potrà essere divertente individuarli o partire da lì per raccontarne nomi e storie ai bambini.

Tenetelo d’occhio, questo illustratore, perché i suoi lavori (ne ha già tanti alle spalle), oltre a essere belli, esprimono sempre un gran lavoro di ricerca e un personale e originale punto di vista sui testi illustrati. Complimenti, poi, da tutti noi di YouKid a Di Lauro perché proprio le tavole di quest’albo sono state selezionate per la 55esima edizione della Mostra Illustratori della Bologna Children’s Book Fair (tra ben 3235 artisti di 68 Paesi diversi).

Emozioni per tutti

Il cuoco delle emozioni è un albo pubblicato da Settenove, casa editrice nata nel 2013 che si dedica alla prevenzione della discriminazione e della violenza di genere. Con un occhio particolare sulla narrativa per l’infanzia e l’adolescenza italiana e internazionale, la casa editrice affronta il tema da punti di vista differenti e attraverso vari generi letterari. 

Il libro di Bergesio e Di Lauro rientra perfettamente nel catalogo Settenove, perché spesso anche alle emozioni, consapevolmente o meno, viene attribuito un genere: da una ricerca del CSGE – Centro per gli Studi sul Genere e l’Educazione dell’Università di Bologna – è emerso, infatti, un atteggiamento diverso degli operatori e delle operatrici dei servizi 0-6 nei confronti di bambine e bambini rispetto ad atteggiamenti simili. A seconda del genere di appartenenza un certo comportamento veniva censurato o premiato, anche da chi, prima della ricerca, si riteneva neutrale. È quello che viene chiamato curricolo nascosto, ovvero l’insieme delle credenze e convinzioni che chi educa porta con sé e trasmette anche involontariamente. Capita per esempio che vengano censurate emozioni maschili legate a tristezza, delusione, introspezione rispetto a quelle di rabbia o sicurezza, come se queste ultime fossero invece naturali.

Come sempre, riconoscere e “vedere” un comportamento, prenderne consapevolezza, è sempre il primo e necessario passo per il cambiamento.

Ti è piaciuto

"Il Cuoco delle emozioni"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Achille cane quadrato, copertina

Achille cane quadrato

Il cagnolino Achille ci racconta come ha trovato la sua forma un pò inconsueta, ma assolutamente felice.

una mela al giorno nomos

Una mela al giorno

“Tradurre è tradire e spesso tradurre è come avere una dentiera e non i denti veri, oppure è come indossare la parrucca o altre protesi

Tenere_NE

Teneré

Siamo in Tunisia. Teneré, un giovane fennec, fugge dallo zoo e si nasconde nello zaino di Matteo, che è in vacanza con i genitori. Tra il bambino e l’animale comincia un’amicizia davvero speciale, tra oasi e dune, personaggi loschi e storie dimenticate, inseguimenti e voglia di libertà.

mi ricordo di te giunti

Mi ricordo di te

Una storia sulla dolcezza dei ricordi tra un nonno e la sua nipotina

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!