E poi mia figlia scopre Il Piccolo Principe

Finalmente anche mia figlia sta leggendo Il Piccolo Principe, la lettera di Saint-Exupéry che raggiunge - ed eleva - ancora i bambini e i ragazzi.
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Mentre tutto cambia e tutto sembra confondersi, ci sono cose che rimangono inalterate. No, anzi: migliorano. Accade a casa mia in questi giorni: finalmente anche mia figlia sta leggendo Il Piccolo Principe. Una lettera scritta da Antoine de Saint-Exupéry sessant'anni fa raggiunge ancora i bambini e i ragazzi e conduce il loro spirito su sentieri d'altura.

Così la sera la mia bambina mi legge la storia, capitolo per capitolo. Le piace, dice. Ma non sa spiegare perché. E come mai? penso io. Non è una storia per bambini? No: è una storia per tutti attraverso i bambini.

Ciò che colpisce la mia bambina è l'essere presa così sul serio: l'Autore le parla come se i più importanti segreti dell'esistenza e delle cose fossero a sua disposizione. E' una cosa che noi adulti facciamo di rado, con i bambini.

Ciò che colpisce me, riascoltando la storia, è la lucidità dello sguardo di Saint-Exupéry su se stesso. Quest'uomo, pensi, si è guardato, mentre faceva le cose. Si è interrogato su se stesso: non con ansia di prestazione (che è il modo con cui noi adulti ci guardiamo di solito), ma con un forte stupore.

Ecco, diceva a se stesso: sono io, sono qui, e sto preparandomi a volare, sto scrivendo, sto parlando con un interprete tuareg in Africa, sto chiacchierando con un bambino, sto scrivendo… e questo non è sorprendente? Non è meraviglioso che sia proprio ad agire, che ci sia questa energia in atto, che è visibile, che crea cose, che comunica attenzione, che dice parole, che ha pensieri? Non è incredibile esistere?

La mia bambina si sente presa sul serio da un uomo vivo. Un miracolo che vale la pena di incontrare, qualche volta.

Ti è piaciuto

"E poi mia figlia scopre Il Piccolo Principe"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Il mio amico extraterrestre, copertina, Valentina edizioni

Il mio amico extraterrestre

Il nuovo compagno di scuola è decisamente fuori dall’ordinario, non fa altro che chiedere “Perché?” per qualsiasi cosa. Le cose si fanno così, tutti le fanno così, ecco perché.
Ma se il nostro non fosse l’unico modo di vedere le cose?

Beisler-Buchholz-Cè-un-tempo-per-ogni-cosa-cover-HD

C’è un tempo per ogni cosa

Ispirato dai celebri versi dell’Ecclesiaste, Quint Buchholz riflette sul tempo e sul suo incessante incedere con tavole visionarie e simboliche, di grande intensità.

alfabetiere

Alfabetiere delle fiabe

Alcune storie non smetteranno mai di essere raccontate.
Un volume prezioso, per testi e illustrazioni, opera di Fabian Negrin.

passione libri

Passione Libri

Un libro può avere dei poteri straordinari. Tutti gli affetti da “Passione Libri” lo sanno benissimo e lo hanno sperimentato, come la protagonista delle vignette di Debbie Tung.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!