Billi Acchiappapaura (Librí Progetti Educativi)

Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Maria Loretta Giraldo, illustrazioni di Giulia Orecchia, Billi Acchiappapaura, Librí Progetti Educativi

«Signori e signore di questa città,

chi ha grosse paure venga un po’ qua.

Arriva Billi Acchiappapaura,

che di ogni tipo

di fifa ha la cura.

Paura acchiappata,

mezza passata!»

Billi Acchiappapaura è arrivato in città portato dal vento. La sua missione è di aiutare chiunque abbia delle paure a liberarsene… a metà!

Nulla sfugge a Billi, nessuna paura può sperare di farla franca.

Quattro bambini, uno più pauroso dell’altro, snocciolano le loro paure più ancestrali. C’è chi ha paura delle paure e prova a nasconderle, ma Billi non si lascia prendere in giro. Così racconta loro delle storie e li aiuta ad acchiappare le paure per farle diventare amiche.

La paura del buio, la paura di lasciare il nido, la paura di non piacere agli altri non sono più uno spauracchio ma nuove compagne da prendere per mano  con coraggio e spensieratezza.

La paura nelle pagine dei Collilunghi

Dopo I giochi coraggiosi (ne abbiamo parlato qui), sbarca su YouKid Billi Acchiappapaura di Maria Loretta Giraldo, con illustrazioni di Giulia Orecchia.

Si tratta di un altro volume edito da Librí Progetti Educativi per la collana Collilunghi curata da Francesco Fagnani. La collana, pensata «per divertire e appassionare, col preciso intento di favorire il benessere dei bambini e delle loro famiglie», aiuta a esorcizzare tutte le paure che può avere un bambino: il terrorismo e la morte come il buio e il temporale.

I suoi autori (Roberto Piumini, Manuela Salvi, Roberto Luciani, Maria Loretta Giraldo, Hélène Romano, Marie-France Botte) hanno la capacità di «rendere semplici le cose difficili» e di raccontarle «con un affettuoso sguardo di speranza verso il futuro».

È questa, dunque, un’altra occasione per apprezzare una serie di librini in grado di accompagnare i bambini durante la crescita, aiutandoli a capire le innumerevoli questioni che la vita presenta.

Una volta affrontato per intero, questo viaggio regala a ogni piccolo lettore la speranza di diventare un bambino dal collo lungo, in grado di guardare oltre le difficoltà e di controllare le proprie paure.

Paura acchiappata, mezza passata!

Billi Acchiappapaura è «un libro dedicato ai più piccoli e ai loro genitori per imparare a parlare insieme di timori e paure».

Si tratta di storie nella storia raccontate da Maria Loretta Giraldo con uno stile semplice, accattivante e vivace, ricco di dialoghi, filastrocche e ritornelli. Le illustrazioni di Giulia Orecchia contribuiscono a vivacizzare la narrazione, dando vita ai personaggi che sbucano rapidi da ogni lato della pagina con le loro emozioni sui volti ora impauriti, ora divertiti.

I protagonisti del libro sono tanti: Billi, un omone strampalato con la soluzione a tutte le paure; una mamma preoccupata per le paure della sua piccina; quattro bambini di cui una esageratamente paurosa.

A questi si aggiungono i personaggi che vivono nelle storie raccontate da Billi, storie di paure acchiappate e mezze passate: il bambino che scarabocchiò un brutto sogno, l’uccellino che aveva paura di lasciare il nido, l’orsacchiotto che guardò in faccia il buio, il lupo che aveva paura delle fiabe… 

E poi una mamma, dei genitori, un nonno, un dottore, una nonna lupo, un re e una regina, i protagonisti adulti che fanno sentire i più piccoli forti e coraggiosi.

Ogni storia insegna qualcosa su come affrontare le paure, sull’importanza di non farle crescere troppo, di colorarle, del coraggio, della forza del buonumore come medicina per tutte le malattie.

È fondamentale, dunque, che i nostri piccoli lettori abbiano accanto una persona cara che ricordi loro di non essere soli e che li guidi con pazienza, suggerendo la soluzione alle paure.

La paura di un uccellino, per esempio, potrebbe essere quella di abbandonare il nido e cadere. Forse servirebbe la piuma di un uccello grifone. Oppure, semplicemente, basterebbe un po’ di coraggio.

«Anche quando

prende il volo

l’uccellino non è solo.

Anche quando

il volo prende

c’è la mamma

che lo attende.»

 

 

 

 

 

Ti è piaciuto

"Billi Acchiappapaura (Librí Progetti Educativi)"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Achille cane quadrato, copertina

Achille cane quadrato

Il cagnolino Achille ci racconta come ha trovato la sua forma un pò inconsueta, ma assolutamente felice.

una mela al giorno nomos

Una mela al giorno

“Tradurre è tradire e spesso tradurre è come avere una dentiera e non i denti veri, oppure è come indossare la parrucca o altre protesi

Tenere_NE

Teneré

Siamo in Tunisia. Teneré, un giovane fennec, fugge dallo zoo e si nasconde nello zaino di Matteo, che è in vacanza con i genitori. Tra il bambino e l’animale comincia un’amicizia davvero speciale, tra oasi e dune, personaggi loschi e storie dimenticate, inseguimenti e voglia di libertà.

mi ricordo di te giunti

Mi ricordo di te

Una storia sulla dolcezza dei ricordi tra un nonno e la sua nipotina

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!