Bentornato Bilbo Baggins!

A distanza di un anno torna al cinema il 13 dicembre prossimo la seconda parte delle avventure di Bilbo Baggins in “Lo Hobbit – la desolazione di Smaug”.
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

A distanza di un anno torna al cinema il 13 dicembre prossimo la seconda parte delle avventure di Bilbo Baggins in “Lo Hobbit – la desolazione di Smaug”.

Dove eravamo rimasti? Nello scorso episodio c’era il giovane hobbit Bilbo reticente nell’intraprendere un’improvvisa avventura, accompagnato (e costretto) dal mago Gandalf e dai tredici nani, con a capo Thorin Scudodiquercia, ad affrontare creature come i Troll e Gollum e il suo tesssoro.

“La desolazione di Smaug” parlerà invece dell’avventura verso la Montagna Solitaria, all’interno delle cavità abitate dai nani, verso il regno di Erebor da tempo in mano al drago Smaug. Riusciranno i nostri eroi a compiere questa impresa? Non lo sapremo subito, come forse saprete. Perché Lo Hobbit è una trilogia, e la prossima settimana avremo modo di vedere la pellicola di transizione, forse la più complicata da seguire, perché non avrà una vera e propria conclusione, ma ha il compito di riprendere le fila della storia e sbrogliarla giusto in tempo per accennare al prossimo capitolo, “Lo Hobbit – Racconto di un ritorno”, che arriverà sugli schermi esattamente tra altri dodici mesi.

In questo secondo capitolo torneremo a vedere quei personaggi che abbiamo imparato ad amare anche nella celebre saga cinematografica de “Il Signore degli Anelli”, come Gandalf/Ian McKellen o l’elfo Legolas/Orlando Bloom, quest’ultimo al centro di una vicenda dai contorni amorosi. In “La desolazione di Smaug” infatti, avremo modo di conoscere una tostissima capo guerriera elfa, Tauriel (Evangeline Lily) personaggio non presente nei libri di Tolkien (a cui è ispirato questo intero universo di storie), ma inserito appositamente nella trasposizione filmica.

Non vedremo dunque solo semplici scene d’azione, ma avremo modo di approfondire la psicologia di personaggi anche da un punto di vista inedito.

Suggerisco infine di fare attenzione anche alla colonna sonora: già nel primo film de “Lo Hobbit” abbiamo avuto modo di apprezzare la suggestiva canzoni dei nani, qui invece troviamo Ed Sheeren, cantautore inglese poco più che ventenne che ha composto il brano dei titoli di coda “I See Fire”.

Ti è piaciuto

"Bentornato Bilbo Baggins!"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Il mio amico extraterrestre, copertina, Valentina edizioni

Il mio amico extraterrestre

Il nuovo compagno di scuola è decisamente fuori dall’ordinario, non fa altro che chiedere “Perché?” per qualsiasi cosa. Le cose si fanno così, tutti le fanno così, ecco perché.
Ma se il nostro non fosse l’unico modo di vedere le cose?

Beisler-Buchholz-Cè-un-tempo-per-ogni-cosa-cover-HD

C’è un tempo per ogni cosa

Ispirato dai celebri versi dell’Ecclesiaste, Quint Buchholz riflette sul tempo e sul suo incessante incedere con tavole visionarie e simboliche, di grande intensità.

alfabetiere

Alfabetiere delle fiabe

Alcune storie non smetteranno mai di essere raccontate.
Un volume prezioso, per testi e illustrazioni, opera di Fabian Negrin.

passione libri

Passione Libri

Un libro può avere dei poteri straordinari. Tutti gli affetti da “Passione Libri” lo sanno benissimo e lo hanno sperimentato, come la protagonista delle vignette di Debbie Tung.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!