Alfonso Gatto – Ogni uomo è stato un bambino

Quando pensate alla persona che vi spaventa di più, immaginatevelo bambino, scommettiamo che non vi farà più paura? Ce lo dice anche il poeta Alfonso Gatto.
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 2 Media valutazione: 4.5]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Eccoci anche questo mese con una bella poesia di un poeta campano, Alfonso Gatto. Quando vedete anche l’uomo più ombroso, ci pensate mai che anch’egli è stato un bambino e, magari, una volta sorrideva? E la prof arcigna, chissà che bambina è stata. In questa poesia dal titolo Ogni uomo è stato un bambino, il poeta ci invita a ricordarci che dietro all’uomo più serio, una volta c’è stato un bambino. Avete mai chiesto ai vostri genitori che bambini sono stati, o ai vostri nonni? Se non l’avete ancora fatto correte a domandarlo, potrete così scoprire che, possibilmente, non erano poi così diversi da voi. Cari kidz, crescendo e nell’ansia di diventare grandi, non scordatevi di essere stati bambini, tenetene sempre una parte nel vostro cuore, vi servirà!

Ogni uomo è stato un bambino

Ogni uomo è stato un bambino
pensate – un bel bambino.
Ora ha i  baffi, la barba,
il naso rosso, si sgarba
per nulla… Ed era grazioso
ridente arioso
come una nube nel cielo turchino.
Ogni uomo è stato un monello
pensate – un libero uccello
tra alberi case colori.
Ora è solo un signore
fra tanti signori,
e non vola,
e non bigia la scuola.
Sa tutto e si consola
con una vecchia parola
lO SONO.
Chi è?
Ditelo voi, bambini ignari
che camminate con un sol piede sui binari;
e scrivete “abbasso tutti
gli uomini brutti”
col gesso e col carbone
sul muro del cantone.
Ditelo voi, bambini.
EGLI  È…
«…un gallo chioccio che fa coccodè!».

Ti è piaciuto

"Alfonso Gatto – Ogni uomo è stato un bambino"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Achille cane quadrato, copertina

Achille cane quadrato

Il cagnolino Achille ci racconta come ha trovato la sua forma un pò inconsueta, ma assolutamente felice.

una mela al giorno nomos

Una mela al giorno

“Tradurre è tradire e spesso tradurre è come avere una dentiera e non i denti veri, oppure è come indossare la parrucca o altre protesi

Tenere_NE

Teneré

Siamo in Tunisia. Teneré, un giovane fennec, fugge dallo zoo e si nasconde nello zaino di Matteo, che è in vacanza con i genitori. Tra il bambino e l’animale comincia un’amicizia davvero speciale, tra oasi e dune, personaggi loschi e storie dimenticate, inseguimenti e voglia di libertà.

mi ricordo di te giunti

Mi ricordo di te

Una storia sulla dolcezza dei ricordi tra un nonno e la sua nipotina

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!