28 bambini, un insegnante, un solo scopo: tutelare il congiuntivo!

Abbiamo conosciuto i protagonisti di questa particolare iniziativa: diffondere e proteggere l'uso corretto della lingua italiana, in primis il congiuntivo!
Lo hai già letto? Ti è piaciuto? Dicci quanto!
[Voti: 0 Media valutazione: 0]

Non tenertelo per te: condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiutaci a crescere

Stamattina ho trascorso un'oretta deliziosa in compagnia della 5° A della scuola elementare Luigi Capuana di Gela (Caltanissetta); ero proprio emozionata, perchè quelli che avevo davanti non  erano dei bambini qualunque, bensì dei piccoli cultori e custodi della lingua italiana. Guidati da Rosalba Occhipinti, una maestra di quelle coi fiocchi il cui sorriso illumina la classe e il cui sguardo pietrifica gli alunni quand'è il caso, i bambini hanno fondato un'associazione per la tutela del congiuntivo, proprio come si trattasse di una specie protetta, in via d'estinzione.

Sia la stampa siciliana, che quella nazionale, ha parlato di questa singolare iniziativa, quindi, noi di HeyKiddo non potevamo mancare, così, dopo aver contattato la maestra Occhipinti stamattina sono andata a conoscerli personalmente.

È stato bellissimo stare tra loro, percepire il loro amore per la nostra lingua, ascoltarli parlare di Basilio Puoti, Francesco De Sanctis o dell'Accademia della Crusca. Il compito (serissimo!) a loro affidato è quello di diffondere l'uso corretto della lingua italiana, quindi via libera anche alla correzione dei grandi, con garbo, certo, ma con intransigenza!

Durante la nostra chiacchierata ho chiesto loro di parlarmi dei loro gusti letterari, ne è venuto fuori che adorano il genere fantasy ma anche i grandi classici come il libro Cuore o Piccole donne. Un ragazzino, uno di quelli vivaci, un morettino tutto pepe mi ha risposto che stava leggendo l'Odissea per prepararsi a recitare il ruolo di Ullisse nella recita di fine anno… mica roba da poco!

Ho poi chiesto se fossero interessati alla poesia… altrochè! Hanno tirato fuori il loro quaderno dal titolo "Intermezzo poetico" nel quale studiano poesia con tanto di parafrasi ed individuazione di figure retoriche, cimentandosi pure nella creazione di versi. E non finisce qui, potevano trascurare l'arte pittorica? Certo che no! Ecco, infatti, saltar fuori dagli zaini un altro grosso quaderno "Bello questo quadro ti racconto…" nel quale i ragazzi studiano arte attraverso le opere di grandi pittori come Van Gogh, realizzando disegni ispirati alle tecniche pittoriche utilizzate dagli artisti che via via gli vengono sottoposti.

Che dire, ero senza parole davanti al lavoro di questi intraprendenti studiosi, davanti alla loro soddisfazione, priva d'invidia o di rancore, nell'indicarmi i primi 5 classificati della gara di grammatica appena conclusasi, che sono : Luca Biundo, Elvia di Benedetto, Antonio d'Antonio, Simone Sanzio ed Asia Catania.

Tutto ciò mi fa riflettere ancora una volta sull'importanza e sulla necessità d'avere buoni insegnanti, colti, interessati, capaci di trasmettere passione per lo studio, come nel caso delle due insegnanti della fortunata 5° A, la già citata maestra Occhipinti e la maestra Angela Di Prima. 28 bambini, 28 persone, due insegnanti d'eccellenza per una classe very, very SMART!

Hey Kidz, posso venire a trovarvi ancora? Mi mancate già!

 

Ti è piaciuto

"28 bambini, un insegnante, un solo scopo: tutelare il congiuntivo!"?

Allora potrebbe interessarti anche...

Un pranzo da lupi, Babalibri, copertina

Un pranzo da lupi

Il lupo Luca cattura un porcellino nel bosco e lo porta velocemente a casa sua per cucinarlo. Contro ogni previsione, però, i due in pochi giorni diventano amici per la pelle

Occupato-Babalibri-copertina

Occupato

I personaggi delle favole sono tutti alla ricerca di un bagno nel bosco, ma l’unico che trovano è occupato!

gigi-delle-caverne-cover

Gigi delle Caverne. Sciamano sarai tu!

Gigi delle Caverne ha solo dodici anni ma è già un grande inventore, stimato da tutto il villaggio di Bleaaak. Quando il grande Sciamano Shabadoo scompare, cominciano i guai!

malombre-castagna-01

La notte delle malombre

Tratto da una storia vera, “La Notte della Malombre” racconta di un treno, della Seconda Guerra Mondiale, di ombre malvagie e dei sogni di tre ragazzi: Brando, Nora e Rocco.

Ti piace Youkid?
Iscriviti alla newsletter!