"Vuoi nel mondo aver fortuna? Bevi sempre il chiar di luna" Seconda parte…

Ah la luna! Chissà che meraviglie lassù…

Macchè, non facciamoci sedurre dalle romanticherie! Il paesaggio lunare non è soffice e caramelloso come sembra: Viperetta, l'intrattabile monella di Antonio Rubino che abbiamo conosciuto nella precedente puntata, ne è certa.

La luna è un mondo alla rovescia, capovolto, come quello di Alice o come quello illustrato dallo stesso Rubino nel Collegio La Deliziabizzarro istituto dove i ragazzi, invece di studiare, fanno una gran baldoria. E così sul satellite tutto è assurdo, le giornate sono eterne e gli abitanti sono esseri buffi e insoliti. Viperetta conosce la bella Maga Luna, la piccola Paolotta, il principino Lunotto, il Re Plenilunio e soprattutto Pierrotto, l’amico col violino e il volto infarinato che provocherà nella bimba una lenta e pinocchiesca trasformazione interiore e che rappresenta – dicono Pino Boero e Carmine De Luca – il "simbolo di quel clima malinconico-decadente caro al Rubino di Versi e Disegni".

L’atmosfera morbida e fatata degli scenari lunari ben presto si trasforma in un incubo, i cui ambigui contorni sono sottilmente evocati dai disegni dell'autore: pensiamo all’immagine inquietante della falce della terra crescente o ai pedagoghi lunari, “tre vecchi dalle lunghe facce ossute”, dietro ai quali si nasconde la graffiante critica di Rubino all'istituzione scolastica e alla didattica tradizionale, incapace di valorizzare la relazione con l’allievo e di adottare metodi di insegnamento che non siano meccanici e libreschi.

A ben vedere il mondo lunare si rivela illusorio e fasullo come quello terrestre. Lo dice anche Pierrotto, "povero poeta sentimentale", che per amore della Luna ha abbandonato la Terra, la sua Pierrotta e i suoi piccoli Pierrottini: "Ho creduto di trovare la felicità nel mondo della luna, e invece mi accorgo che la vera felicità è quella che ho perduta".

Anche Viperetta è arcistufa della Luna e vuol tornare a casa: d'altra parte una monella del suo rango non può che ribellarsi a questo universo ordinato dalle tinte pastello, che contrasta apertamente con il rosso accecante del suo fiocco e del suo vestitino. L'abitino scarlatto che indossa, infatti, scatena un turbinio di sensazioni nuove nei lunari, rendendo tutti di buonumore e facendo guarire perfino quel depresso del principe Lunello. Fino a che la bimba darà l'ennesima prova della sua irriverenza e  il Re Plenilunio ordinerà addirittura di tagliarle la lingua!

Naturalmente, non appena la piccola fa ritorno a casa, i genitori non credono a una parola dei suoi fantastici racconti: si sa, i grandi non vanno più in là del proprio naso. Rubino, ben consapevole dei limiti degli adulti, avverte i piccoli lettori, e le sue parole risuonano come  una dichiarazione d’amore alla fantasia, all'immaginazione e all’infanzia:

“Quelli che non credono che la luna sia abitata, sono pregati di non andare avanti. Noi abbiamo bisogno di ragazzi che credano a tutto: gli altri stiano a casa loro. Infatti, se uno non si fida e teme continuamente di essere ingannato, come può divertirsi, dal momento che le uniche cose che divertono sono per l’appunto le frottole? Quando uno ha detto: «la luna non è abitata», ha fatto una scoperta stupida che non diverte nessuno. Quando uno ha detto: «le fate non esistono», ha pronunciato una frase inutile che non ha mai fatto ridere anima viva. Resta dunque dimostrato che la luna è abitata, e che di fate per divertire i ragazzi non ne mancheranno mai”. 

Va da sè che Viperetta non può rinunciare alla fantasia, che le viene in aiuto finanche in un posto noioso e soporifero quale Villa Quiete, dimora di zia Concalma e di zio Posapiano. Stanca del silenzio tedioso che la circonda, la bimba scopre un nuovo mondo fantastico, quello dei fiori: è con i fiori che inizia a dialogare ed è dai fiori, carini e garbati per definizione, che impara un linguaggio gentile. Il percorso di trasformazione è quasi concluso e Viperetta si disinviperisce, non prima però di aver imparato a suonare magnificamente il violino, prezioso regalo che l’amico Pierrotto le ha fatto prima di morire. A questo punto non rimane che inoltrare domanda al re per poter cambiare il nome della piccina, che d'ora in avanti sarà Violetta!

"Violetta! – disse pronta Viperetta. – Avevo il nome d'una bestia, ora voglio il nome di un fiore".

 

L'autore di questo post

Nessun commento su ""Vuoi nel mondo aver fortuna? Bevi sempre il chiar di luna" Seconda parte…"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *