Una storia triste, ma pur sempre una storia

In queste settimane sto scrivendo un romanzo che racconta una storia vera accaduta ad Auschwitz, il celebre campo di concentramento nazista. Sembra a molti che su quella terribile esperienza si sia raccontato tutto. A qualcuno sembra che si sia raccontato troppo. Ci penso, a queste obiezioni, mentre racconto una storia che ha molti punti di originalità: una storia che spiazza anche me, mentre la racconto.
 
Leonardo da Vinci diceva che l'arte è uno straordinario strumento di conoscenza. E' una posizione sorprendente: in genere ripetiamo che l'artista si esprime, o comunque esprime qualcosa, con al sua arte. Invece Leonardo diceva che, per esempio, disegnando o dipingendo, lui cercava e scopriva qualcosa dell'uomo, o della natura, o di Dio. Così io scopro qualcosa di Auschwitz, scrivendo su Auschwitz. E scopro che ha ragione Leonardo, quel genio. Se non provi a raccontarlo, non hai davvero provato a capirlo.
 
Vale per ciascuno di noi: finché non ti racconti, non sai tutto quel che c'è da sapere neppure di te stesso. Ed è provando a raccontare gli altri, invece che giudicarli in fretta, che tenti sul serio di conoscerli, di capirli. Con qualche inevitabile sorpresa.
 
Come al solito, son cose che i bambini sanno benissimo. Mia figlia, sempre lei, dieci anni. Racconta volentieri di sé. Meglio starla sempre attentamente ad ascoltare.
 

 

L'autore di questo post

Nessun commento su "Una storia triste, ma pur sempre una storia"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *