Un vero laboratorio di giornalismo… e rock’n’roll!

Uffa, uffa, uffa -disse Grazia a Paola- perché nei giornali dei grandi non si parla mai di noi bambini? 

Perché il giornale lo fanno i grandi per i grandi –rispose Paola. E’ per questo che nel giornale non si parla dei problemi dei bambini, e di quello che vorrebbero e delle cose che gli interessano. 

Ma, allora –ribadì Grazia a Paola- perché non ce ne facciamo uno noi? 

Uno tutto nostro –si sbalordì Paola?

Sì, uno tutto nostro. Che cosa ci vuole, in fondo?

Ci vuole un sito dinamico come YouKid, un affiatato gruppo di bambini vivaci e curiosi, un laboratorio di giornalismo inventato da un’illuminata scuola elementare e dei genitori entusiasti. Così nasce “… e adesso scriviamo noi!”, una rubrica curata dai bambini del laboratorio di giornalismo della primaria di Cagliari Carlo Felice. Una pagina scritta dai bambini per i bambini.

Ogni quindici giorni, a partire da oggi, i “giornalisti in azione” riferiranno degli eventi cittadini dedicati ai più piccoli, parleranno delle cose che gli piacciono di più, descriveranno i problemi che hanno gli under 10. Cronache, reportage, interviste, inchieste per raccontare Cagliari così come la vedono e la vivono i più piccoli.

Il primo articolo è la cronaca di un incontro con lo scrittore Gianfranco Liori, filastrocchiere e musicista, autore di svariati libri di successo per l’infanzia che con grande generosità ha regalato un bellissimo pomeriggio di versi e musiche ai giornalisti in erba. I quali hanno scelto di chiamarsi “giornalisti in azione della Carlo Felice” e sono quindici (ma potrebbero diventare di più), agguerriti e simpaticissimi:

Francesco Carta, un fulmine di guerra che indossa la cravatta come “un  vero giornalista”; Viktor, che tiene un meraviglioso diario personale; Giulia Garano, simpaticissima e molto responsabile; Baby Christine, serissima e con un bel sorriso; Alessia, dolcissima e campionessa di pattinaggio; Tommaso, con una grande passione per la carta stampata; Caterina, calma, posata e campionessa di judo; Francesco Cannas, curioso e tenace; Riccardo, riflessivo e calmo; Sergio, che ama disegnare; Michele, dal pensiero veloce; Federico, il matematico; Giulia Boi, la reporter di viaggio; Annalisa, tenera e arguta; Grazia, la rigorosa caporedattrice.

Cari bambini, dalla vostra maestra di giornalismo, un affettuoso augurio: In capocchia allo spillo!

Articolo: Caterina Cannas

Disegno: Michele Bruno Mereu

L'ultimo bel libro di G. Liori e R. CugisIl 28 novembre 2013, insieme ad altri bambini, nella scuola elementare “Carlo Felice”, ho iniziato il corso di giornalismo. Non vedevo l’ora perché il lavoro del giornalista mi ha sempre affascinato.

Come inizio non è stato male, abbiamo incontrato il musicista, fumettista e scrittore per ragazzi Gianfranco Liori. Abbiamo trascorso tutta la lezione con lui. Al termine la maestra mi ha dato un incarico importante che non mi sarei aspettata: scrivere un articolo su questo incontro.

Fisicamente, lo scrittore me l’aspettavo diverso: più basso e anziano. Invece, Liori è altissimo, giovane, biondo e con grandi baffi. Una persona simpatica e divertente.

Ci ha parlato della sua passione per i libri e per la musica che amava fin dalla giovane età. Ha risposto a tutte le nostre domande in modo simpatico e spiritoso. Ha cantato tante canzoni che hanno fatto ridere tutti.

L’ora è passata in un batter d’occhio e con molto dispiacere ci siamo dovuti salutare.

Il giorno dopo ho costretto mia mamma a portarmi in libreria per comprare i suoi libri.

L'autore di questo post

15 commenti su "Un vero laboratorio di giornalismo… e rock’n’roll!"

  1. Pinella

    Bravissimi ragazzi, mi è piaciuto l’articolo Caterina e anche il disegno di Michele. Forza ragazzi continuate cosi e diventerete dei bravi giornalisti come maestra Franca Rita. Grazie maestra!!

  2. Prof. Usai

    Cara giornalista Caterina,
    dal punto di vista lessicale l’articolo è impostato perfettamente.
    La carriera gionalistica seppur agli albori fà emergere la sua passione per questo lavoro.
    Consiglio:continuare a costringere la mamma ad acquistare libri.
    Le zie ora sanno cosa regalarti per Natale.
    L’inviata da Lanusei
    Clotilde!!!

  3. Mara

    Bravi Caterina e Michele,
    ottima combinata del disegno super spiritoso che rende perfettamente l’idea del contenuto dell’articolo eloquente.

  4. Mara

    Carissima Giornalista,
    mi complimento con Lei per il suo articolo, strutturato in modo semplice, scorrevole e facilmente comprensibile ai lettori giovani come me.
    La carriera giornalistica agli albori fa già emergere il talento che è in Lei.
    Consiglio: continui a costringere (anche se non credo ci sia voluto tanto per convincerla) la mamma a comprare tanti libri.
    Appello a chi le sta vicino:avevate dei dubbi sul regalo di natale da fare a Caterina? ora non credo:LIBRI, LIBRI ed ancora LIBRI.
    Un coloroso in bocca a lupo dall’inviata speciale di Lanusei
    Clotilde

  5. Lidia

    Complimenti Caterina noto con piacere che oltre ad essere una bravissima judoka sei anche una brava scrittrice… Continua così sempre determinata e decisa, sono fiera di te ragazza mia… Complimenti a tutti

  6. marco

    Bravi Caterina e Michele e bravo pure Gianfranco, ha trasmesso passione ed entusiasmo ben rappresentati nella cronaca della lezione!!!!! le passioni si assecondano e si coltivano con intensità e costanza!!!!! perseverate, nessun obiettivo vi sarà precluso!!!!!

  7. marzia

    Carissima Caterina,
    leggendo il tuo articolo mi hai convinta ad acquistare il libro per regalarlo ai miei nipotini.
    la tua esposizione è risultata chiara e davvero empatica!!!
    il disegno di Michele è bellissimo, complimenti.
    Leggete e studiate tanto, perchè la lettura e la cultura in generale aiutano, innanzitutto, a renderci liberi.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *