Tutti i film Pixar sono un’unica storia – The Pixar Theory (parte 3)

Ok, questa è la parte finale. Cliccando qui trovate la prima parte. E qui trovate la seconda.

Di cosa parlavamo? Presto detto: c'è una teoria che riunisce tutti i film prodotti dalla Pixar dai tempi di Toy Story:A Bug’s Life, Toy Story 2, Monsters Inc., Alla ricerca di Nemo, Gli Incrediblili, Cars, Ratatouille, Wall-E, Up, Toy Story 3, Cars 2, Brave e Monsters University.

Ok, perché A Bug’s Life apart è posizionato dopo Wall-e? Perché, tolti Cars and Cars 2, è l'unico film Pixar, ad oggi, in cui gli uomini non compaiono e gli animali sono molto evoluti: si vestono, hanno città… siamo avanti anni luce rispetto alla scuola per pesciolini presente in Nemo, ad esempio.

C'è un altro film della Pixar che sarebbe dovuto uscire nelle sale nel 2012, ma è stato cancellato e rimpiazzato con Brave. Si chiamava Newt, la trama probabilmente era "Cosa succede quando gli ultimi due esempari, uno maschio e uno fammina, di newt dagli dai piedi blu si trovano devono riprodurre la loro specie, ma si odiano?" (Read here for more)

 

Un film che parla di una specie semiestinta che deve ripopolare il pianeta… ma qui non ci sono altre prove.

Quanto al resto, dove eravamo rimasti? L'umanità, le macchine gli animali hanno ristabilito una loro armonia (dopo Wall-E) e, con il passare del tempo, nasce una nuova specie. I mostri. Che vivono sul nostro pianeta, ma in un lontano futuro.

In Monsters University, vediamo che il College è fondato nel 1313… questo può significare che i mostri hanno iniziato ad usare un loro calendario… ok, ma da dove nascono i mostri? La Pixar Theory dice che sono semplicemente degli animali intelligenti molto molto evoluti.

Animali mutati, evoluti, ma più grandi e civilizzati: hanno città, università, fabbriche… la domanda ora è "che è successo agli uomini?". Al momento non ci sono spiegazioni chiare, ma è probabile semplicemente che siano scomparsi piano piano, oppure che i mostri si siano sbarazzati di loro, oppure l'umanità non riusciva più a vivere sulla Terra (inquinamento elevato, risorse scarse…)

Il punto è che in Monsters Inc. scopriamo che c'è una crisi energetica, e che questa viene risolte ricorrento allo spavento che i mostri generano negli uomini. Gli uomini, ancora una volta (come in Toys Story) sono la fonte d'energia… e grazie alla teconologia delle porte i mostri possono viaggiare (indietro nel tempo? in un'altra dimensione?) per trovare gli uomini e spaventarli.

Ma non è un'altra dimensione… è soltanto indietro nel tempo nel momento in cui l'umanità era più sviluppata. Più o meno i giorni nostri. Tuttavia, avendo perso molte conoscenze, i mostri sono convinti che toccare un umano possa provocare la loro morte. Per caso i mostri scoprono che le risate danno più energia della paura.

Abbiamo una connessione tra  A Bug’s Life e Monsters Inc. grazie alla rulotte che vediamo in entrambi i film. In A Bug’s Life è vecchia e mezza distruzza, mentre in Monsters Inc. (è quella in cui viene spedito Randall quando poi viene scambiato per un alligatore) sembra più

Sinistra A Bug’s Life, destra Monsters Inc. Quindi, ora della fine, umani, animali e macchine hanno finalmente imparato a convivere in armonia, più o meno.

Ma c'è Boo, la bambina spaventata da Sully. Che le è successo? Crescendo ha continuato a cercare un modo per entrare in contatto con Sully e, ricordandosi del potere delle porte (che si aprono alterano il tempo), è diventata…

La strega di Brave. Ha imparato a viaggiare nel tempo, avanti e indietro. La teoria sostiene che Boo ha acquisito la magia in qualche modo ed è tornata indietro nel tempo per aumentarla grazie al will-o-wisps. Sì, ma come sappiamo che Boo è la strega? Da indizi come questo: Sully scolpito nel legno.

Se guardate bene, qui sotto vedrete anche il camioncino della Pizza Planet. Dietro alla candela.

Avete presente che Merida apre le porte e la strega scompare ogni volta? È perché le porte funzionano come in Monsters Inc.

Ok, a questo punto la più grande obiezione che si può fare a questa teoria è che tutti questi piccoli indizi siano semplicemente delle easter egg della Pixar… e se invece fossero degli inidizi lasciati da Boo di proposito? In fin dei conti tutti i riferimenti agli altri film sono proprio qui nell'antro della strega.

Aspettate, abbiamo quasi finito… quasi.

Boo deve aver scoperto che oltre agli uomani, anche il legno ha dei poteri… è per questo che lei è tornata indietro nel tempo, per poter utilizzare molto legno… le porte dei mostri sono fatte in legno, infatti. Forse la fonte della magia legata al legno è proprio l'albero di A Bug's Life, che è lo stesso che vediamo in Wall-E e in Up (quello frequentato da Carl e Ellie)… Inoltre è probabile che Boo tramuti la mamma di Merida in un'orsa proprio perché stava pensando a Sully, un grande orso azzurro…

Quindi, con l'ossessione di trovare Sully, Boo ha viaggiato in tutto l'universo Pixar utilizzando delle porte di legno. Riusciranno mai i due a reincontrarsi? Mi piace pensare di sì.

In un certo senso, l'amore di Boo per Sully è il perno di tutto l'universo Pixar: l'amore di diverse persone e razze in diversi periodi storici che trovano il modo di ricongiungersi sul nostro pianeta senza distruggerlo… Questa è la Pixar R

Nel 2014 uscirà The Good Dinosaur e sapremo qualcosa di più, probabilmente.

The Good Dinosaur probabilmente parla di un futuro alternativo in cui i dinosauri non si sono mai estinti perché nessuna meteora li ha mai spazzati via dal pianeta e quindi si sono evoluti in specie dominante arrivando persino a usare gli uomini come animai da compagnia. Probabilmente questo universo alternativo spiega perché molte cose nell'universo della Pixar sono così diverse dal nostro mondo… perché l'evoluzione non è mai stata interrotta…

Se volete dire la vostra, scrivete direttamentequi click here. Oppure cercate su twitter quel geniaccio di @JonNegroni.

All images courtesy of Disney/Pixar

L'autore di questo post

Nessun commento su "Tutti i film Pixar sono un’unica storia – The Pixar Theory (parte 3)"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *