Tutta colpa delle meduse

tutta colpa delle meduse

Ali Benjamin, Tutta colpa delle meduse, Il Castoro

 

Trama: Suzy è una ragazzina di quasi 12 anni ed è amica di Franny, sua coetanea. Durante le vacanze estive però succede una cosa terribile: Franny muore mentre nuota in mare. Quando lo viene a sapere, a Suzy piomba qualcosa addosso, ma non capisce bene che cosa. Smette di parlare, non dirà una parola per cinque mesi. Poi inizia a studiare le meduse con un intento ferreo: vuole dimostrare che la colpa della morte della sua amica sia stata una puntura di una specie di medusa velenosissima. Prova anche a volare in Australia per dimostrarlo, vuole infatti parlare con Jamie Seymour, massimo esperto in materia. Finisce proprio con il tentativo di andare in un altro continente la sua avventura muta. E per fortuna.

 

Ho voluto raccontarvi la trama, per una volta, perché è tosta. Una trama tosta per un libro tosto. Ali Benjamin, l’autrice, non le manda a dire e affronta tutto direttamente: non credevo ai miei occhi.

Ci vuole proprio questo, sapere dire le parole difficili: morte, lutto, dolore, paura. Si devono dire senza preamboli perché non hanno il potere di distruggere la vita, semplicemente ne fanno parte e sapete cosa? Non le tolgono nulla, anzi, la arricchiscono e le danno senso. Il problema c’è quando a queste parole e al loro contenuto di emozioni si resiste, si gira attorno, non le si vuole vedere. Allora possono nascere anche cose bellissime, come la ricerca di scienze sulle meduse che ha valso a Suzy un 10, ma ci si sente sempre addosso la sensazione di vuoto o di stare sbagliando, di mancare il punto.

Da mamma e da ex ragazzina terrorizzata dal dolore dei grandi, leggere Tutta colpa delle meduse (casa editrice Il Castoro) è stato struggente. Tutta la lucidità e l’energia e la pienezza di una bambina di 11 anni riversata nella gestione del lutto. Mi è parsa un’ingiustizia, una cosa che non doveva essere. Poi ho lasciato passare qualche giorno dalla fine del libro e mi sono trovata a ringraziare l’autrice per non avere trattato l’argomento come qualcosa di speciale, bensì come qualcosa di intenso, di vero, con cui si deve fare i conti, lo deve fare chiunque, prima o poi.

Non sono fortunati quelli che “poi”, non esiste un meglio o un peggio, quello che esiste è la vita in tutta la sua interezza e Suzy, con coraggio, fa il suo meglio per abbracciarla.

L'autore di questo post

Scrivo testi, immagino mondi.

Nessun commento su "Tutta colpa delle meduse"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *