The God of Small Things per piccoli (dal cuore gigante)

Nel leggere Piccole cose così importanti, di Peter Carnavas per Valentina Edizioni, sono stata lettrice, madre, figlia e anche moglie. Soprattutto figlia però.

Devo essere sincera, ho fatto un tentativo di lettura con Eva, ma a due anni e mezzo è ancora troppo piccola. La conferma è stata duplice: l’ho avuta subito nel suo voler sfogliare questo libro “bello bello” in fretta per arrivare alla fine della storia, che però la mamma non esplicitava mai. Si è goduta tutto, ma non fino in fondo, forse per mia reticenza o forse perché incapace (ancora) di afferrare? Un’ora dopo aver riposto il libro, eravamo in macchina ed è arrivata la seconda parte della conferma: dal nulla mi ha chiesto “Il papà è tornato?”. Il suo papà stava guidando e lei si riferiva al papà del bimbo del libro, Christopher, che invece non sarebbe rientrato mai più.

13487611_10209940399614405_80681436_nSì questo libro – segnalato per bambini dai 3 ai 7 anni – parla di lutto in modo lieve e incredibilmente toccante, soprattutto per un adulto che nel leggerlo si trova, se se lo permette, in gioco su tutti i fronti. Innanzitutto è il genitore che potrebbe andarsene e che non vorrebbe mai, poi è il genitore che potrebbe rimanere e non sa come fare, ancora è la persona che si potrebbe trovare a gestire un vuoto insopportabile in se stesso e nel cuore innocente della sua estensione, l’entità oltre umana, che ogni figlio impersonifica per il proprio genitore. Si taglierebbe un braccio, se aiutasse, per non vedere lo smarrimento negli occhietti e nell’arrancata nuova routine del piccino, ma non servirebbe proprio a nulla.

of small things

Poi l’adulto che legge è stato anche un bambino, per quanto ne si soffochi il ricordo, e non smette mai totalmente di esserlo. E il bambino è un figlio che può aver perso il papà o la mamma e allora tutto quel dolore rimonta e lo smarrimento di Christopher e della sua mamma torna a essere familiare, a diventare quella presenza con la quale così poco volentieri si convive quotidianamente, che proprio come i vecchi oggetti del papà, impacchettati e portati dal rigattiere nel libro, non ne vogliono sapere di scomparire, ma rientrano sempre nella vita, nel cuore, se non dalla porta, dalla finestra, se non su invito, di notte, a tua insaputa.

Quelle Piccole cose così importanti – una tazza, uno spartito, delle pantofole – sono però destinate a fiorire, se le si lascia fare. Le si guarda e si ricorda, si rielabora, meglio se insieme, ma l’importante è farlo, e si smette di avere paura della sofferenza: i bambini sono più aperti e pronti e bravi in questo, se gli adulti lasciano loro lo spazio.

La lettura di questo libro lo ha dimostrato ampiamente: forse Eva sarebbe stata anche pronta a sapere che succede, a volte, che persone e animali che amiamo vadano via per sempre, magari avrebbe pianto e sarebbe stata triste per un momento, ma poi avrebbe integrato la notizia, l’avrebbe fatta sua e avrebbe arricchito la sua vita con una nuova consapevolezza, che sì capita, ma gli si gira intorno e si va avanti, che altra alternativa c’è?
La saggezza dei piccoli è questa ed è immensa. Quella della mamma di Eva, la mia, lo è stata un po’ meno: non sono stata pronta ad affrontare nemmeno un grammo di sofferenza organica, forse per paura che avrebbe scatenato la mia davanti a lei e… e… e allora?

Insomma, il pianto degli occhi, dell’animo, è parte integrante dei nostri giorni, dà loro senso e valore, avvicinarsi a tale saggezza nei primi anni è strano, ma probabilmente necessario ed è meglio farlo con il tramite della bellezza, della lettura, delle parole, dei colori, delle illustrazioni, specie se parlanti, bellissime e piene come nel volume di Valentina Edizioni dall’infinita, ma non gratuitamente struggente, tenerezza.small things

L'autore di questo post

Scrivo testi, immagino mondi.

Nessun commento su "The God of Small Things per piccoli (dal cuore gigante)"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *