Sushi, ciliegi in fiore e omikuji: che meraviglia il Giappone!

Come se la passa una sarda in Giappone? E che cosa possiamo imparare da una cultura così diversa dalla nostra? I piccoli giornalisti della primaria Carlo Felice hanno intervistato, via Skype, Giorgia Cesaracciu che si trova in Giappone per studiare e fra conoscere la Sardegna ai giapponesi. 

Il Giappone è una terra più avanzata della nostra?

Per certi versi sì, per altri no. Una regola che mi ha colpita è che le persone non possono fumare per starda. In pochi usano le auto perché c'è un efficientissimo servizio pubblico. I più usano il treno per spostarsi.

Ci racconti dei foglietti volanti che prevedono il futuro?

Chi va a visitare un tempio buddista può cogliere uno dei tanti foglietti, gli Omikuji, appesi a una corda all'esterno del tempio. Nei foglietti è indicata la sorte di chi lo coglie. Se la previsione è positiva bisogna tenerlo con sé per un anno, se è negativa si deve legare in un posto vicino al tempio così che gli eventi negativi vadano via.

Tu hai preso un omikuji?

L'ho fatto un paio di volte e ogni volta è andata bene. Una premonizione invece, era negativa: non avrei mai ritrovato ciò che avevo perso. E così è stato: ho perso un anello che non ho più ritrovato.

E' carina la tua casa giapponese. Sei sola o abiti con qualcuno?

Convivo con ragazzo americano, un giapponese che ci aiuta a perfezionare il nostro giapponese, e la mia amca sarda.

Come vive un bambino in Giappone?

Non saprei. A guardarli per le strade dove spesso girano da soli, senza la compagnia di un adulto, anche quando sono molto piccoli, sembrano felici. Certo, devono studiare tanto, anzi tantissimo.

Qual è la giornata tipo dei bambini giapponesi?

Per ciò che ho avuto modo di osservare, molto del loro tempo è dedicato alla scuola, dalle 8 del mattino fino al pomeriggio inoltrato. Scegliere una buona scuola e frequentarla con profitto è importante perché in questo modo, da adulti potranno frequentare una buona università e trovare un buon lavoro. Al termine delle lezioni frequentano il doposcuola dove seguono numerose attività legate alla musica e allo sport. Spesso studiano una lingua straniera. Dopo bisogna continuare a studiare, talvolta fino a notte.

 

L'autore di questo post

Nessun commento su "Sushi, ciliegi in fiore e omikuji: che meraviglia il Giappone!"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *