Sirene: donne d’arte, di cultura e di coraggio

Le sirene erano creature dalla voce ammaliante, che intonavano melodie misteriose e incantatrici. Qualcuno dice che fossero donne alate, qualcun altro sostiene che avessero la coda di pesce e vivessero negli abissi marini; tutti concordano sul loro fascino e la loro capacità di sedurre e di condurre chiunque le ascolti, dove esse vogliono.

È senz’altro per questo motivo che nel 2002 la casa editrice EL sceglie di chiamare Sirene la nuova collana, tutta al femminile, dedicata alle grandi donne della storia, della scienza, della letteratura e dell’arte.

Da quell’anno al 2009, scrittrici italiane accuratamente scelte da EL fra cui di Beatrice Masini, Angela Nanetti, Daniela Palumbo, si avvicendano nella scrittura delle vite delle donne che hanno fatto la storia. Scrivono di Artemisia, della sua arte e del suo coraggio; di Maria e della sua passione per l’educazione dei bambini, di Elettra, Penelope, Antigone e le altre donne greche che non sono poi così diverse da noi.

Una collana, curata da Grazia Gotti, a dir poco meravigliosa a mio parere, da divorare in pochissimo tempo, e adatta per bambine, adolescenti, donne, e anche per bambini, adolescenti e uomini; ma che, ironia della sorte, sta scomparendo sempre di più dalle librerie.

Proprio la scorsa settimana sono riuscita a trovare nell’area ragazzi della biblioteca vicino casa “ Signore e signorine, corale greca” di Beatrice Masini, uno dei titoli di punta, e uno dei primi della collana. L’ho letto tutto d’un fiato e ho deciso di andarlo a comprare. Nulla: non l’ho trovato da nessuna parte se non su internet, ad un prezzo, per altro, molto conveniente, che in questi casi, non è mai buon segno.

Per questo, l’iniziativa presa dalle librerie indipendenti per ragazzi, e chiamata “Donne d’arte,donne di cultura, donne di coraggio”, è senza ombra di dubbio ottima: da lunedì 1 marzo a domenica 8 marzo infatti, in queste librerie, volontari, librai, atelieristi, appassionati, daranno voce ai libri della collana…anzi di più! Faranno rivivere attraverso letture animate, laboratori e discussioni, le grandi donne di un tempo, quelle che sapevano essere insieme «sapienti, spiritose, ferite e forti».

Gli appuntamenti delle 14 librerie sparse in tutta Italia che aderiscono all’iniziativa sono consultabili qui.

Io trovandomi in terra bolognese, parteciperò senz’altro agli incontri proposti ad appassionati, insegnanti e studenti dalla Libreria per ragazzi Giannino Stoppani, che ha scelto di concentrare la sua attenzione su Maria Montessori nella mattinata di venerdì 6 marzo, e sulle sirene di cui ancora non è stato scritto, nel pomeriggio di domenica 8 marzo.

Naturalmente anche Radice Labirinto a Carpi, Viale dei ciliegi a Rimini, Pel di carota a Padova, Cuccumeo a Firenze, Castello di carta a Vignola, tra le altre, partecipano con grande impegno. La più impegnata in assoluto però è la neonata Semaforo Blu di Reggio Emilia, che propone già da lunedì , letture animate, laboratori e incontri che fanno venire la voglia di precipitarsi lì.

Non mi dilungherò oltre se non per dire che trovo questa un’iniziativa meravigliosa, per il tema scelto, per l’impegno che già trapela dal programma, e per l’intento che cela: rendere le Librerie Indipendenti per ragazzi più forti agli scossoni del mercato, agli alti e bassi dell’economia, e ai cambiamenti culturali. Lavorare tutti insieme sarà anche difficile e faticoso, ma il messaggio lanciato è chiaro: le librerie indipendenti esistono ancora e sono competenti, entusiaste e pronte.

L'autore di questo post

Sono nata nella primavera inoltrata del 1989 , tra i campi coltivati e la nebbia della pianura Bolognese. Dicono di me: saggia, testarda, capace di dare consigli agli altri. Vero. Ma penso sia grazie ad una mia caratteristica: l’eterno conflitto tra finzione e realtà, tra immaginazione e dato di fatto, conflitto che mi tiene incredibilmente in equilibrio. Porto avanti sin dall' infanzia un’inclinazione naturale sia alla filosofia e all’ analitica, sia all’ arte in tutte le sue forme. Suono, canto, disegno, scrivo, e sono sempre alla ricerca di cose nuove da scoprire…In un’unica definizione: un’inguaribile curiosa pignola che non scende mai dalle nuvole.

Nessun commento su "Sirene: donne d’arte, di cultura e di coraggio"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *