Robin Hood: un eroe in calzamaglia

Bentornati Kidz!

Ebbene dopo questa mega scorpacciata natalizia di film e cartoni, di torroni e panettoni, è il momento di un nuovo anno. Che ne dite di una bella avventura nella foresta più misteriosa e mitica, armati di arco e freccia a fare un po' di giustizia? Perfetto, facciamoci accompagnare allora dal personaggio più furbo e più forte del medioevo, Robin Hood.

Fa parte del nostro mondo fantastico e sappiamo così poco di lui. Ma chi era in realtà Robin Hood? E' stato un personaggio realmente esistito? Cosa sappiamo di lui? Robin era un leggendario bandito inglese vissuto tra il XI e il XII secolo nella bellissima foresta di Sherwood, a nord della città di Nottingham, in Inghiterra. Protagonista di tante ballate popolari, racconti di cantastorie, poemi, libri e film, Robin Hood era in ogni caso un ladro, generoso, che ruba ai ricchi prepotenti per dare ai poveri e ai deboli. Era considerato il più abile arciere del Paese e indossava sempre la calzamaglia e una giubba verde lunga fino al ginocchio. Contro il suo nemico numero uno, il corrotto Sceriffo di Nottingham, aveva al proprio fianco anche il gigantesco Little John, il corpulento Fra Tuck e la fidanzata Lady Marian (o Marion).

Quando penso a Robin Hood mi viene in mente in particolare questa scena: quella dei due avvoltoi (Tonto e Crucco) che strillano "…E' l'uuuunaaa di notte e tutto va beeeene". Per non parlare poi ovviamente della coppia tragicomica formata dal Principe Giovanni e il suo assistente Sir Biss, protagonisti di scenette davvero indimenticabili. Il Robin Hood della Disneyè un film del 1973, che utilizza animali antropomorfi al posto delle persone. Per questo Robin Hood, così come Lady Marian, viene raffigurato con le sembianze di una volpe, furba e astuta. Little John diventa un orso tenerone e lo sceriffo di Nottingham un lupo cattivo; ci sono poi il tasso Fra Tuck, i leoni Re Riccardo e Principe Giovanni, il serpente Sir Biss, le due guardie avvoltoi, gli abitanti di Nottingham conigli, il gallo menestrello Cantagallo e la mitica Lady Cocca, tutrice di Marian.

L'anime di Robin Hood (i cartoni giapponesi), prodotto nel 1990, vede invece come protagonisti dei ragazzini. Nell'Inghilterra del XIII secolo il castello del giovane aristocratico Robert Huntington viene bruciato e i suoi genitori uccisi, dal perfido Barone di Nottingham, Lord Alwine. Il ragazzo è costretto a fuggire con i suoi tre cugini nella foresta di Sherwood e per combattere la malvagità del Barone, entrano nel gruppo di banditi guidati dal buffo Little John. Grazie al loro aiuto, Robin riesce a salvare la giovane e coraggiosa principessa Marian Lancaster, di cui Robin sarà sempre innamorato.

Quindi, cari kids, non ci resta che munirci di arco e frecce ed entrare nella foresta per diventare eroi. Possibilmente senza rubare nulla.

Alla prossima!

L'autore di questo post

Sogno ad occhi chiusi, sogno ad occhi aperti, sogno a tutte le ore. Leggo e immagino, viaggio e fantastico. Nell'attesa che arrivi la lettera da Hogwarts.

Nessun commento su "Robin Hood: un eroe in calzamaglia"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *