Questa è un’altra storia: la scrivete voi, kids?

C’è piccolo scrittore dentro di voi che aspetta solo l’occasione giusta per uscire allo scoperto? L’estate- con tutto il tempo libero a disposizione in città, in montana o sotto all’ombrellone- è la condizione perfetta per leggere tanti libri e dare sfogo alla vostra vena di autori di successo (anche solo nella fantasia!). Potreste iniziare dal nulla un romanzo tutto vostro oppure partecipare al concorso indetto dalla libreria dei ragazzi di Milano. Ormai la conoscete bene visto che ve ne abbiamo parlato la settimana scorsa a proposito dell’iniziativa “Estate in libreria” per fare i compiti delle vacanze insieme a tanti coetanei ed insegnati qualificati.

Ma torniamo al concorso di scrittura. Di che si tratta? Si chiama Questa è un’altra storia, è arrivato alla sua seconda edizione ed è aperto a tutti i bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni fino al 20 settembre. Partecipare è un gioco da ragazzi: basta andare alla libreria dei ragazzi di Milano (via Tadino 53) e scegliere un libro tra le tantissime proposte che trovate, sia in prosa che a fumetti. Dopo aver letto il libro viene il bello, infatti starà a voi inventare un nuovo finale scrivendolo o disegnandolo a fumetti. Avete già preso in mano carta e penna (o computer)?

Ricordatevi che il racconto che scriverete deve essere ovviamente inedito, non più lungo di 80 righe o 4 cartelle e dev’essere scritto, disegnato a mano o al computer. Ci sono 3 sezioni (6-9 anni; 10-12 anni; 12-14 anni) e per ogni sezione una giuria di esperti decreterà il vincitore che sarà premiato con libri e buoni per libri domenica 9 novembre. Inoltre i 3 scrittori vincenti saranno ospiti con i loro racconti presso la trasmissione Crapapelata di Radio Popolare. Per tutte le informazioni mandate una mail a info@lalibreriadeiragazzi.it oppure andate sul sito della libreria.

Siete pronti a scrivere un’altra storia kids? Il nuovo finale del vostro libro preferito aspetta solo di essere scritto da voi!

L'autore di questo post

Nessun commento su "Questa è un’altra storia: la scrivete voi, kids?"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *