Poemario di campo

Poemario cover

Alonso Palacios (illustrazioni di Leticia Ruifernández), Poemario di campo, Orecchio Acerbo

Nel campo Orecchio Acerbo sono fiorite delle rime, e son fiorite a colori. Aprire questo Poemario di campo significa affacciarsi all’improvviso in un prato, sentirne odori e ronzii, sentire i versi dei suoi abitanti, tutto perfettamente in rima, grazie alla traduzione dei versi di Alonso Palacios, da parte di Francesca Lazzarato.

Le illustrazioni di Leticia Ruifernández, sembrano preziosi folulard di seta dipinti a mano. Tutto è lieve, immagini e versi abbozzano un fiore, un insetto, un frutto. Pochi versi e pochi tratti bastano per descrivere qualunque cosa, dall’ape alla margherita, dall’upupa alla noce.

197Ecco una farfalla:

La farfalla un po’ vola

e un po’ si posa:

la sua carezza va di rosa in rosa.

 

f23

E il fico:

Ruvida è la carezza

del fico, ma l’attesa

è piena di dolcezza.

Dieci insetti, dieci alberi, dieci uccelli, dieci fiori e frutti descritti in versi che ne fanno dei piccoli quadri, e in prosa, per chi affascinato ne voglia sapere di più, quaranta note scientifiche, una per ogni singolo animale, una per ogni singola pianta.

L'autore di questo post

Specialista in crollo di librerie, appassionata di storie tanto da credere di viverne una ogni giorno. Siciliana, mamma, webwriter. Parlo poco e sorrido molto. Questa sono io.

Nessun commento su "Poemario di campo"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *