La piuma viaggiatrice/3

paesaggio_piuma

Dopo aver letto alcuni brani del libro di Giorgio Faletti La piuma, ho chiesto ai ragazzi della prima media D ed E di inventare delle storie che avessero come protagonista una piuma. Queste sono le sue strabilianti avventure…

Con l’introduzione della professoressa Stefania Mancosu, continua il viaggio della piuma viaggiatrice cominciato due settimane fa all’interno della rubrica “Scrivere mi piace”, curata dai ragazzi della scuola media del Nuovo Collegio della Missione di Cagliari.

Gabriele Casanova (che ha realizzato anche la bella immagine di copertina) scrive un breve racconto pieno di speranza… Buona lettura!

La piuma bianca 

Superato il cancello del maestoso palazzo il giorno iniziò a finire e il cielo si colorò di giallo; il giallo era così forte che la piuma si colorò d’oro. Così risplendeva nel cielo, tanto che in molti la scambiarono per la prima stella di quella notte.

Ormai il cielo si era tinto di blu e la luna illuminava la terra, illuminò anche la piuma che si tinse di bianco, non solo, diventò luminosa e conservò la sua bellezza per sempre. All’improvviso la terra finì, lasciando il posto ad una distesa d’acqua che non aveva mai fine; il mare, che rispecchiava in tutta la sua magnificenza la sua figura.

Da allora la piuma non si è più fermata e ha continuato a viaggiare in lungo e in largo, di giorno diventa d’oro e di notte si tinge di luce lunare.

Durante il suo viaggio molte persone continuano a vederla.

La vide un re che la utilizzò come penna per firmare il trattato di pace con l’altra metà del mondo, ma ben presto capì che la piuma non gli apparteneva, così la restituì al cielo. La videro i viaggiatori che aiutò a ritrovare la via, la vide chi era disperato e che aiutò, e la vide chi non sapeva più che fare…

Vicino a lei c’è sempre un airone che la protegge e che le sta vicino.

Ancora oggi è in viaggio e… Forse un giorno la vedrai anche tu.

Gabriele Casanova 1ˆE

5 commenti su "La piuma viaggiatrice/3"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *