Uomo in mare! “Pirati”, da comic-game ad app

makeitapp_pirati“Uomo in mare!”

Avete sentito anche voi questo urlo? Proviene da una nave pirata ed è l’ordine di un arrabbiatissimo capitano: il prigioniero è fuggito e nuota verso un’isola sconosciuta. Bisogna assolutamente prenderlo, vivo: solo lui conosce la strada che porta al tesoro!

A tuffarsi in acqua dietro il prigioniero sono Piombo, Malocchi e Quattroventi, tre pirati diversi tra loro: c’è chi è più forte, chi più agile, chi più intelligente, chi ha tanto carisma e chi ne scarseggia… chi scegliereste tra loro? Eh sì, perché per cominciare a giocare con Pirati, dopo la breve introduzione, dovete scegliere chi essere tra uno di questi tre pirati prima di lanciarvi alla ricerca del prigioniero, stando poi ben attenti a pericoli da evitare o ad aiuti da raccogliere sul vostro cammino.

Pirati nasce da un librogame (o libro-gioco) a fumetti francese, portato in Italia da Cranio Creations, ovvero Pirati: Diario di un eroe, disegnato da Emmanuel “Gorobei” Martin e sceneggiato da Shuky. Ma che cos’è un librogame? Il genere, diffusissimo negli anni Ottanta (basti pensare alla fortunata serie Lupo Solitario), conta ancor oggi molti appassionati; si tratta di un libro in cui il lettore diventa protagonista della narrazione: la storia, infatti, non procede linearmente, secondo il numero delle pagine ma può passare da un punto all’altro, a seconda del percorso scelto. Ogni lettura è, in questo modo, diversa dalla precedente.

La particolarità di Pirati è che si tratta di un comic-game, ovvero di un librogame a fumetti! Il passaggio da libro ad app amplifica le possibilità offerte dal comic-game; anche qui abbiamo la scelta del personaggio con cui intraprendere l’avventura (e ogni personaggio ha determinate caratteristiche che potranno tornare più o meno utili a seconda del percorso scelto), abbiamo i numeri nascosti all’interno di ogni scena per guidarci a quella successiva (ma, a differenza del librogame, non è possibile sfogliare le pagine e sbirciare le varie possibilità), abbiamo oggetti da raccogliere, indovinelli da risolvere, personaggi e animali con cui interagire. Arrivare alla fine del gioco non è immediato e richiede pazienza, attenzione e più tentativi (e questo è il suo bello).

Sviluppata da MakeItApp, Pirati, per iPad e iPhone, è disponibile su App Store, gratis e con acquisti in-app come la versione Premium con vite infinite (trovate la scheda dell’app con il suo team e una video presentazione qui).

L'autore di questo post

Classe 1982, pugliese, fiorentina d’adozione e con un debole per la Francia. Da quando ho scoperto A. A. Milne e Astrid Lindgren, mi è stato chiaro all’improvviso che cosa avrei fatto da grande e poco importa il fatto che un po’ grande lo fossi già. Da allora mi dedico alla letteratura per l’infanzia e ragazzi, tra studio, letture e i primi passi nel dietro le quinte del mondo editoriale.

Nessun commento su "Uomo in mare! “Pirati”, da comic-game ad app"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *