Pax

pax cover

Sara Pennypacker, PaxRizzoli

“Non si può giudicare un libro dalla copertina” è una massima con la quale è difficile non concordare. Quando la copertina, però, è un capolavoro come quello realizzato da Jon Klassen per Pax, si può forse fare un’eccezione.
Una volpe che scruta l’orizzonte, circondata dalla vegetazione, un grande sole al tramonto, i toni caldi e autunnali di un bosco: Jon Klassen ha saputo in questa illustrazione rendere giustizia a un romanzo che parla di amicizia, di attesa, di scoperta di sé.

Edito in Italia da Rizzoli, Pax di Sara Pennypacker racconta la storia di un ragazzo e della sua volpe, costretti a separarsi a causa della guerra ma determinati a non restare lontani a lungo. Obbligato dal padre (un soldato burbero e a tratti violento) ad abbandonare Pax per andare a vivere dal nonno, Peter non riuscirà ad aspettare neanche un giorno prima di partire alla ricerca del suo amico a quattro zampe. Armato solo di un po’ di cibo, del suo prezioso guantone da baseball e di un braccialetto che gli ricorda il periodo felice in cui la mamma era ancora viva, il dodicenne è deciso a percorrere a piedi le centinaia di chilometri che lo separano da Pax.

“Quindi, qual è la verità? Stai tornando dalla tua volpe o a casa?”

“Sono la stessa cosa” disse Peter, la risposta improvvisa e sicura, benché sorprendente anche per lui.

All’attesa di Peter, costretto a una lunga sosta presso una donna strana e misteriosa, si alterna, capitolo dopo capitolo, quella di Pax. La volpe, sicura che il ragazzo tornerà a prenderla, imparerà in questo tempo ad apprezzare la vita selvaggia dei suoi simili, fatta di alleanze e rivalità, di libertà e sfide quotidiane. In lontananza, ma non troppo, i “malati di guerra”, che con le loro trincee e le loro armi rendono la vita degli animali del bosco un vero inferno.

Potremmo quindi definire Pax un romanzo di formazione “doppio”, i protagonisti del quale viaggiano l’uno verso l’altro alla scoperta della propria identità. Da un lato il cammino quasi fiabesco di Peter, erede di tante storie di viaggio e crescita che procedono sullo sfondo di una guerra (prima fra tutte La grande avventura di Westall), dall’altro lo zoom sull’avventura di Pax, volpe domestica che impara a sopravvivere nel suo habitat naturale e a interagire con i membri della sua specie.

Fra domande importanti a cui ciascuno deve trovare la propria risposta, miti antichi che raccontano storie nuove e incontri che cambiano la vita, il romanzo di Sara Pennypacker e le illustrazioni di Jon Klassen riescono a narrare quel mondo segreto dove bambini e animali si danno appuntamento per creare alleanze inscindibili.

pax2

L'autore di questo post

A cinque anni ho chiesto alla mamma di insegnarmi a leggere per divorare in autonomia i fumetti di Topolino: da allora, le storie non mi hanno mai abbandonato. Innamorata di giardini segreti, mondi altri e bambini disubbidienti, per me la promozione della Letteratura per l'infanzia è una passione, prima che una professione. Attualmente lavoro in una bella biblioteca bolognese.

Nessun commento su "Pax"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *