Parliamo di… Pop up!

Sin da piccola, sono stata affascinata da questi libri così magici e speciali che si chiamano Pop Up o, nella nostra madre lingua, libri animati.

All'interno dei libri animanti ci sono sempre un sacco di sorprese: linguette da tirare, porticine da aprire e spazi dove poter giocare con i propri personaggi.

Ancora oggi, che sono Kiddo ma solo nell'anima, colleziono questi libri e da qui, l'idea della foto recensioni di pop up.

Ma cosa sono questi libri e chi li progetta?

I libri pop up, per chi li conosce, ricordano molto l'arte dell'origami* e si basano su piegature della carta. Questa pratica viene chiamata cartotecnica, in questo modo all'interno della forma di un libro classico troviamo piegati su se stessi mondi e sorprese inaspettate. 

Tra gli autori più affermati che si sono cimentati con successo in questa tecnica ricordiamo Robert Sabuda (che vi mostrerò presto con la sua Alice) e Matthew Reinhart.

Tra i titoli più importanti ci sono fiabe cult come Alice nel Paese delle Meraviglie, Cappuccetto Rosso, La Bella e la Bestia.

*Con il termine origàmi si intende l'arte di piegare la carta (折り紙, termine derivato dal giapponese, ori piegare e kami carta) e, sostantivato, l'oggetto che ne deriva. Esistono tradizioni della piegatura della carta anche in Cina (Zhe Zhi" 折纸), tra gli Arabi ed in occidente.

Daze in versione salterellina è di Elena La Riduc

L'autore di questo post

Lettrice compulsiva | Nerd inside&outside | Regina del kitsch | Lanciatrice di unicorni | Seguo troppi telefilm |

5 commenti su "Parliamo di… Pop up!"

  1. Io possiedo il libro Pop-up de “Il piccolo Principe”, acquistato a Roma, nonostante avessi l’edizione classica piccolina e ultra-compatta!
    Mi ha affascinato moltissimo, è un edizione per bambini, ma capisco benissimo il gusto di averlo, è carinissimo… è un’avventura persino sfogliarlo, oltre che leggerlo!
    Avevo fatto un pensierino anche su altri, ma al momento mi limito alle edizioni economiche 😛

  2. Vabbè Michela, io vi ho nel feed reader di Google quindi è praticamente sicuro che mi leggerò appena pubblicherete qualcosa a riguardo 🙂
    Mi piace il vostro stile e sono molto curiosa di leggere qualcosa a proposito di uno dei libri ai quali sono più legata 😉

  3. Pingback: Re-Kiddo: Io favolo ovvero AudioStorie da collezionare! - Finzioni

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *