Otto passi nel futuro

otto-passi-nel-futuro-umberto-guidoni

Uno ha i capelli ricci e rossi, il viso vispo e allegro, le guance lentigginose, l’altro è più grande, ha capelli scuri, barba e baffi e, anche lui, un viso sempre sorridente: sono Martino e Zioguido, compagni di viaggio per avventure spaziali a partire da Martino su Marte (un viaggio andata/ritorno dalla Terra a Marte) fino a Così extra, così terrestre (le scoperte e le invenzioni che sono state necessarie per andare nello spazio o che ora vengono usate quotidianamente sulla Terra), passando da Astrolibro dell’universo (per sapere tutto sul nostro universo, dal Big Bang ad oggi).

Martino e Zioguido sono tornati in libreria e, oltre a portarci in giro nello spazio, ci conducono avanti e indietro nel tempo anzi – più precisamente – nel futuro. 2054, 2254, 2074, 2084, 2154, 2064 e 2114 sono queste le tappe di Otto passi nel futuro (Editoriale Scienza), un viaggio nel mondo che verrà, un nuovo scenario per ogni capitolo e tante curiosità da scoprire riguardo a ciò che abbiamo intorno ora.

Ci sono città sommerse dalle acque, non più Atlantide, ma Venezia, New York, Londra… non più metropolitane in cui muoversi ma velocissimi trasporti nucleari sottomarini. Ci sono letti che, al suono della sveglia, pian piano si inclinano passando dalla posizione orizzontale a quella verticale (un po’ fastidiosi, a dire il vero, per chi vorrebbe indugiare sotto le coperte), ci sono pasticche per soddisfare qualsiasi gusto ed evitare la preparazione di caffè e colazione, ogni cosa è meccanizzata, tanto da far sentire la nostalgia del prendere la penna in mano e scrivere qualcosa in corsivo. Ci sono tempeste solari che fanno restare al buio in attesa che sorga il sole…

I racconti vengono da un futuro più o meno lontano e fantastico, ma gli spunti da cui nascono sono tutti nel nostro presente. La parte narrativa del libro (contrassegnata da pagine bianche, seppur illustrate) è accompagnata da schede che, a partire da spunti offerti dal racconto stesso (e in questo evidenziati con un colore diverso per ogni capitolo, colore che distingue anche le pagine delle schede stesse) affrontano vari argomenti: il riscaldamento globale con l’innalzamento delle acque, il viaggio del primo uomo sulla Luna, la Stazione Spaziale Internazionale, invenzioni antiche e moderne. Ogni capitolo si chiude con una sezione “E nello spazio?”, per soddisfare alcune curiosità su quella che è la vita di un astronauta tra orientamento, alimentazione, satelliti e braccia robotizzate.

Al lettore la libertà di leggere il libro come più gli piace (prima tutti i racconti e dopo le schede, prima le schede, racconti e schede insieme?), per scoprire che, anche se si tratta di viaggi fantastici, le premesse di ciò che verrà (così come le responsabilità) sono nella vita che viviamo tutti i giorni.

Martino e Zioguido ci fanno compagnia nel futuro grazie alla collaudata coppia di autori, Umberto Guidoni e Andrea Valente. Il primo, astronauta e astrofisico, ha realizzato quello che per molti bambini è un grande sogno ed ora, dopo aver percorso centinaia di orbite intorno alla Terra, mette a disposizione dei ragazzi le sue conoscenze, perché un sogno ha alla base passione, curiosità e studio. Andrea Valente scrive, illustra e diverte, a lui infatti spetta il compito di raccontare le storie con un’ironia e una leggerezza tali da liberarci per un po’ dalla forza di gravità.

L'autore di questo post

Classe 1982, pugliese, fiorentina d’adozione e con un debole per la Francia. Da quando ho scoperto A. A. Milne e Astrid Lindgren, mi è stato chiaro all’improvviso che cosa avrei fatto da grande e poco importa il fatto che un po’ grande lo fossi già. Da allora mi dedico alla letteratura per l’infanzia e ragazzi, tra studio, letture e i primi passi nel dietro le quinte del mondo editoriale.

Nessun commento su "Otto passi nel futuro"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *