Me, mum and mistery. Una spia dal passato – Lucia Vaccarino

Una spia dal passato

Me, mum & mistery 12. Una spia dal passato

Autrice: Lucia Vaccarino

Illustrazioni di Paola Antista

Editore: Fabbri Editori

Prezzo: 9,90

Pagine: 176

dai 9 anni

Con Una spia dal passato, dodicesima puntata della serie me, mum & mistery di Lucia Vaccarino (Fabbri Editori) torna la famiglia tutta al femminile (fidanzati permettendo) di mamma Linda e della dodicenne Emily. Tra rocamboleschi colpi di scena, misteri dal passato risolti e partite ancora aperte, ci vien da dire che due femmine, anche da sole, funzionano perfettamente, e senza paure!

A Blossom Creek è tempo di attese e di sorprese: è quasi Natale e c’è un matrimonio alle porte, per Linda e il suo impacciato boyfriend Matthew. C’è un temuto incontro con futuri suoceri (terribili?). Ci sono regali da fare. C’è pace, anche tra il nostro duo investigativo rosa e l’ispettore Mulberry (d’altra parte, Emily&Linda l’hanno salvato da un’accusa di omicidio!).

Seduti in salotto con chips di zucchine attendiamo la nuova puntata di “Crimini irrisolti”, reality-crime proprio in tema: occhi puntati sul colpo in banca della Banda di Babbo Natale, che, venticinque anni prima, aveva portato Blossom Creek agli onori delle cronache; colpevoli arrestati, ma del bottino nessuna traccia.

Il passato nasconde misteri che sembrano ben ancorati al presente: perché l’ispettore Mulberry sembra a disagio quando si parla del colpo finito in sparatoria? Qual è la storia di quella sua cicatrice? Cosa aveva scoperto il compianto zio Orville, morto senza cadavere? Il suo spirito respira solo negli scaffali pieni di documenti del suo studio, negli occhi acuti di Emily, nell’indolenza del suo gatto Percy e nella memoria affettuosa del suo amico, l’ipocondriaco Sir Perceval o forse l’ombra che ha sconvolto Sir Perceval, nel bosco, è proprio…? Sembra di una spia dal passato, la mano che lascia preziosi indizi sulla soglia dell’agenzia Orville-Wright.

Tra luoghi, storie sepolte e i nostri amici del presente esistono strane coincidenze. Bisogna indagare, Emily, ma questa volta il pacco dono di Natale sarà un gioco molto pericoloso e una mano di partita resterà aperta.

È bello sostare nella famiglia di Emily e Linda, una famiglia allargata agli amici, ai parenti acquisiti, al vicinato; figlia e madre si muovono circondate dal chiacchiericcio veloce e assiduo della comunità, accompagnate dai riti quotidiani e stagionali, in un luogo ideale dove le case non hanno cancelli e gli spazi sono senza solitudini. Fa simpatia, poi, questa alleanza femminile grintosa e dolce allo stesso tempo, un’atmosfera fittizia, ma rassicurante, che a me un po’ ricorda (ditemi se non siete d’accordo!) la serie Una mamma per amica, melassa esclusa!

La scrittura di Lucia Vaccarino, affinata nel meccanismo ad orologeria del giallo per ragazzi, non delude, scivolando leggera e incalzante di pagina in pagina. Ma proprio sull’epilogo natalizio, con la famiglia salva e riunita, rimaniamo con l’acquolina in bocca: “TOC TOC”… chi c’è, là dalla porta di casa Orville-Wright?

Salutiamoci, allora, con un arrivederci al prossimo caso!

 

L'autore di questo post

Prof Favella Stanca di tanti ragazzini e Mamma Caos di due bambini. Mamma e Prof giovane d'esperienza ma non di età, in barba a chi ci dice: è tardi per (ri)cominciare!

Nessun commento su "Me, mum and mistery. Una spia dal passato – Lucia Vaccarino"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *