Leggere mi piace… e mi insegna la Storia

E bravi i bambini della quarta elementare! Hanno letto e raccontato i libri da loro più amati con bellissime recensioni e fantastici disegni. Sono stati tutti così bravi che le loro recensioni sono state molto lette e commentate. Tra tutte, hippi hippi urra, la più votata è stata quella di Grazia con 62 commenti e 84 like. Complimenti Grazia!!! Continua a leggere, a scrivere, ad amare i libri. E bravissimi anche Benedetta, Filippo e Irene.

Cari bambini continuate tutti a leggere, scrivere disegnare, perché adesso inizia il secondo round della rubrica "Leggere mi piace", che è un grande progetto: vogliamo invogliare i ragazzi a leggere e a dire che cosa ne pensano di ciò che leggono.

Questo secondo round lo inaugura Stefano, della seconda media. Da questa settimana infatti, le recensioni dei bambini della quarta si alterneranno con quelle dei ragazzi seconda media guidati dalla professoressa Anna Murgia

Ricordate, la recensione più letta e più apprezzata vincerà il premio. Valgono i like su Facebook, i retweet e l’aggiunta ai preferiti su Twitter, i commenti direttamente sul sito, insomma, vale proprio tutto basta che lasciate una traccia della vostra lettura. Divertitevi con noi!

La redazione di Hey Kiddo

La banda del mondo di sotto

di Stefano Sebis, seconda media

Autrice:
Paola Dalmasso.
Genere: Realistico

Paola Dalmasso, laureata in lingue ha insegnato per molti anni in un liceo milanese per poi trasferirsi in Russia dove ha affrontato il crollo dell’ Unione Sovietica. Questo libro nasce dall’incontro con il Clown Miloud durante uno spettacolo dei ragazzi di Bucarest, che l’ha spinta ad approfondire la ricerca sulla vita dei boskettari.
Nei sotteranei di Bucarest vivono ragazzi e bambini senza famiglia e scacciati dagli orfanatrofi  fatti chiudere dopo la dittatura di Ceausescu. I ragazzi, detti boskettari, sono organizzati in bande e si arrangiano in mille modi per sopravvivere tra delinquenza e droga.

In questo libro i ragazzi affrontano una serie di pericoli e intricate vicende e in particolare uno di loro, Ion con il suo caneTigu, si ritroverà, dopo la misteriosa scomparsa di due amici, accusato di omicidio. Ion e TIGU si troveranno davanti  persone senza scrupoli e saranno coinvolti in una oscura storia che li porterà ad  esplorare i sotterranei del palazzo del dittatore Ceausescu e a scoprire in questo luogo cose che non si sarebbero mai neanche immaginati. Solo l’incontro con l’amico dei boskettari, il Clown Miloud,  risolverà il mistero della scomparsa e cambierà il futuro di Ion e Tigu.
Questo libro è molto bello e avvincente perché racconta una serie di misteriose avventure e coinvolge tutti i lettori grandi e piccoli per la suspance
e i colpi scena che l’autrice ha saputo creare. Ma spiega anche una dura realtà, quella delle migliaia di bambini e ragazzi costretti a vivere nei sotterranei di Bucarest e a cavarsela da soli per sopravvivere dopo la dittatura di Ceausescu. Perciò consiglio a tutti voi che state leggendo questa recensione di comprare questo bellissimo libro per capire che non tutti i ragazzi sono fortunati come noi.

Buona lettura ciao a tutti.

Personaggi:
Oukili Miloud è un personaggio reale,  entra in contatto con  la realtà dei ragazzi
boskettari nel 1992 quando si trasferisce in Romania.  Rimane colpito
dai bambini e ragazzi  di strada e  si impegna ad offrire loro un’occasione. Nel 1996 fonda l’associazione Fundatia  Parada   che si
propone di insegnare  ai boskettari l’arte circense. Crea con loro
degli spettacoli che porta in giro in tutta l’Europa.
Da questa esperienza nel 2006 nasce Parada Italia che si occupa dei bambini soli
e del loro rinserimento nella società.

58 commenti su "Leggere mi piace… e mi insegna la Storia"

  1. sabrina

    Bravo Stefano la recensione che hai fatto mi e’ piaciuta molto tanto da farmi venire voglia di acquistare e leggere il libro …. Grande traguardo 🙂 ancora complimenti

  2. Nicoletta

    Bravissimo Stefano, complimenti per la recensione. Le tue bellissime parole mi hanno davvero incuriosito e leggero’ subito il libro!

  3. paolo nocchi

    Grande Stefano, hai aperto una parentesi ormai chiusa e dimenticata nella mia memoria… qualche anno fa è venuto a Santarcangelo il Clown Miloud con alcuni dei suoi “ragazzi di Bucarest”, ed hanno fatto una splendida rappresentazione nella nostra piazza principale. In quella circostanza ho avuto il privilegio di conoscerlo di persona, seppur per un breve scambio di battute, che mi hanno dimostrato lo spessore di questa grande persona. Il tuo commento è interessante, e riesce a racchiudere in poche righe l’essenza del libro, e farti nascere il desiderio di poterlo leggere. Se un domani avrai voglia di scrivere tu un libro, mi piacerebbe poterci scrivere accanto una recensione altrattanto bella… Complimenti.

  4. Lani

    Bravo Stefano, sei stato molto bravo soprattutto perché fai venir voglia di leggerlo questo libro ed é proprio questo lo scopo di una recensione. Bravo davvero!!!

  5. barbara

    La descrizione della trama è concisa ma esauriente, hai dato grande evidenza ad un tema così delicato e importante, sei riuscito a stimolare la curiosità per questo libro: che altro dire? Bravissimo, Stefano! Corro a comprare il libro e ti dico anche che vorrei conoscere il clown Miloud e i suoi ragazzi.
    Complimenti!

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *