Leggere mi piace e mi fa credere nell'amicizia!

Proseguiamo con Leggere mi piace, la rubrica che poi è un vero e proprio progetto: vogliamo invogliare i ragazzi a leggere e a dire che cosa ne pensano di ciò che leggono. 

Piccoli recensori crescono, ma soprattutto grandi lettori si allenano nello sport più bello del mondo! La recensione più letta e più apprezzata vincerà un premio, ovviamente un premio dotato di pagine. Valgono i like su Facebook, i retweet e l’aggiunta ai preferiti su Twitter, i commenti direttamente sul sito, insomma, vale proprio tutto basta che lasciate una traccia della vostra lettura. Divertitevi con noi!

Vogliamo ricordarvi che è possibile votare soltanto durante la settimana in cui la recensione è pubblicata. Non fatelo anche dopo, altrimenti vengono alterati i risultati. Grazie! 

Hey, perché non date un'occhiata anche agli altri nostri post? ;)

La Redazione HK

Luke e Jon

recensione di  Justine Perez

Autore: Robert Williams

Casa Editrice: Rizzoli, 2012

Questo libro parla di tanti aspetti della vita e insegna soprattutto a voltare la pagina della propria quando ci si accorge che i fantasmi del passato ci impediscono di vivere. E in questi casi si deve aprire un’altra pagina e ci si deve ricordare di sorridere anche se a volte ci sembra difficile. Il libro parla anche dell’amicizia che nei momenti dolorosi è necessaria, quasi vitale, per avere la forza di continuare a lottare. Una vera amicizia, nata per caso, che cresce ogni giorno davanti ad una tazza di tè e ai significati di mille parole. Questa unisce due adolescenti che hanno in comune tantissime cose: la sofferenza, la perdita dei propri cari e soprattutto il sapersi arrangiare da soli. Luke ha soltanto il padre poiché la madre è morta in un incidente stradale. Da questo momento la sua vita cambia completamente. La sua unica consolazione è la pittura, il suo respiro libero, anche perché il padre non lo aiuta a superare questo momento. Jon è orfano, vive con i suoi nonni in un ambiente con condizioni igieniche precarie e si rifiuta di andare all’orfanatrofio. Il libro nel suo complesso ci offre un panorama malinconico, pieno di ricordi che i personaggi vogliono di volta in volta rivivere o seppellire. Ci offre corse sotto la pioggia per sopprimere la tristezza, parole per coprire l’assenza di qualcuno che amiamo, sensi di colpa e domande che solo a pensarle sono inquietanti. Questo libro mi ha insegnato che dopo un temporale violento e cupo arriva sempre un po’ di calma e magari anche il sole, che ci dà nuova sicurezza. Che ogni cosa è speciale per quello che è e che ogni impresa può essere l’ inizio di una nuova avventura. Da questa lettura ho capito che anche se a volte siamo sommersi dai nostri problemi, non dobbiamo mai lasciare nessuno da solo ad affrontare i propri. E dobbiamo regalare sempre un sorriso a chi non ce l’ha.

5 commenti su "Leggere mi piace e mi fa credere nell'amicizia!"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *