Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi (Giunti)

Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi, testo di Katie Cotton, illustrazioni di Jessica Courtney-Tickle, traduzione di Francesca Pellegrino, Giunti

 

Ho sfogliato per la prima volta quest’albo una settimana fa e, da allora, non faccio altro che fischiettare le arie di Vivaldi. Sono così belle che non mi escono più dalla testa! E poi le illustrazioni botticelliane, i colori stupendi che sembra di stare agli Uffizi, chi lo direbbe che tanta bellezza può star dentro un libro per bambini, invece, è proprio così.

Ci troviamo di fronte a un albo musicale in cui la storia della piccola Isabelle, del suo cagnolino Pickle e della sua piantina di melo s’intreccia con la musica di Antonio Vivaldi e, in particolare, con la sua opera più famosa, Le Quattro Stagioni. Un bel mattino, al risveglio, Isabelle e Pickle si ritrovano nel bel mezzo di una primavera variopinta e un po’ dispettosa in cui il sole può far posto a un temporale in un battibaleno. Poi sopraggiunge l’estate, la natura lentamente assapora i caldi raggi del sole e le giornate sono più lunghe. Ma, ecco che un lampo nel cielo preannuncia un temporale, adesso l’aria è più fresca e Isabelle e Pickle vanno a cercare un riparo. Per fortuna erano solo quattro gocce, adesso è autunno, si capisce dalla fresca brezza e dai colori del bosco: rosso, arancio, giallo, marrone. Via via fa sempre più freddo, gli animali cercano un riparo perché sta arrivando l’inverno e i nostri protagonisti devono ancora far rientro, ma ahimè, nel frattempo ha iniziato a nevicare e Isabelle a causa del ghiaccio scivola mandando in mille pezzi il suo vasetto. Una volta a casa, Isabelle si rammarica di non avere più la sua piantina ma il piccolo Pickle troverà il modo per rallegrarla.

Leggendo quest’albo sentirete prima il calore del tiepido sole primaverile, poi i raggi si faranno sempre più caldi e pungenti sulla pelle poi, all’improvviso, comincerete ad avvertire una leggera frescura finché non sentirete così freddo da dovervi infilare un giaccone, colori, parole e suoni, infatti, vi faranno sentire all’aperto. Durante la lettura non scordate di premere i simboli con le note musicali e in un attimo arriveranno le note di Vivaldi a arricchire questa innovativa esperienza di lettura.

 

L'autore di questo post

Specialista in crollo di librerie, appassionata di storie tanto da credere di viverne una ogni giorno. Siciliana, mamma, webwriter. Parlo poco e sorrido molto. Questa sono io.

Nessun commento su "Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi (Giunti)"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *