“La principessa e lo scheletro” di Piret Raud

Un castello, un mistero, una principessa e del dentifricio. Cos’avranno mai in comune queste cose? Beh, vediamo. Intanto, sono tutti elementi che troviamo nelle prime pagine della storia raccontata dalla scrittrice estone Piret Raud. Curiosi, vero? Andiamo avanti!

Nel suo castello, la Principessa Lulù ogni mattina viene ingiustamente incolpata dalla Regina sua madre, di mangiarsi un tubetto di dentifricio a notte. Ma essendo appunto una falsa accusa, il forte senso di giustizia (e anche un certo fastidio di essere sempre rimproverata), di Lulù emergono e decide di indagare. Chi mai potrà avere bisogno di tanto dentifricio da consumare un tubetto in una notte?

Forse un mostro con mille denti?

Ma no! È il Signor Ossi, lo scheletro dell’armadio del Re, che si lava tutti gli ossicini con il dentifricio e lo spazzolino.

Avete mai sentito l’espressione, “avere uno scheletro nell’armadio”? È  un modo per dire che si hanno segretucci che è meglio che vengano scoperti. Ma se lo scheletro fosse vero? E dovesse starsene tutto il giorno da solo chiuso nell’armadio a custodire un segreto e a parlare con una cravatta per ammazzare il tempo? Avrebbe l’aspetto del Signor Ossi, certo.

WP_20150729_11_54_52_Pro

Così, Lulù, dopo essersi spaventata un po’, decide che il simpatico, nonché pulitissimo, scheletro debba essere trattato con maggior rispetto e decide di introdurlo a corte.

Da qui in poi, l’avventura diventa sempre più divertente fino a culminare in un un epilogo sagace e brillante.

La piccola Lulù, alterna momenti in cui esprime tutto il suo essere bambina alla dignità di una vera principessa, giusta, intelligente e buona e insieme al Signor Ossi regala momenti di divertimento e momenti di riflessione.

La solidarietà e quella cosa difficile da fare, accettare le critiche per imparare qualcosa su se stessi e chi ci circonda, per esempio ma anche altre piccole perle saggiamente distribuite in una storia di avventura.

Consigliato ai ragazzi dagli 8 anni in su e agli adulti che non accettano le critiche.

La principessa e lo scheletro, di Piret Raud e pubblicato da Sinnos, fa parte della collana “Libro per tutti”, stampato con un carattere ad alta leggibilità.

L'autore di questo post

Lettrice compulsiva | Nerd inside&outside | Regina del kitsch | Lanciatrice di unicorni | Seguo troppi telefilm |

1 commento su "“La principessa e lo scheletro” di Piret Raud"

  1. Pingback: Letture da Kiddo – luglio – L'unicorno, la Daze e l'armadio

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *