La giustificazione VIP

Tyler Sullivan, di Honeywell,  ha 11 anni e venerdì scorso ha saltato le lezioni per andare insieme a suo papà a seguire un comizio di Obama: lì ha persino avuto l'occasione di salutarlo così gli ha chiesto se poteva scrivergli la giustificazione da consegnare alla preside. 

Il Presidente non se l'è fatto ripetere due volte, presa carta e penna ha scritto "Gentile Signor Preside, la prego di giustificare Tyler perchè era con me!" firmato niente meno che Barack Obama, Presidente degli Stati Uniti.

Di sicuro, visto che la notizia ha fatto il giro del mondo, il preside non avrà esitato ad accettare l'insolita giustificazione, solo che pensavo… e se la cosa si ripetesse?

Mi spiego meglio: essendo noi un popolo di fantasiosi emulatori, non vorrei che la moda si diffondesse e i presidi si trovassero di fronte a cose del tipo:

Caro signor Preside, ieri Carlo non è venuto a scuola perchè suo papà aveva la finale di calcetto – firmato l'allenatore.

O ancora, rivolto all'insegnante di Matematica:

Gentile professore, ieri Marco non ha potuto svolgere gli esercizi da lei assegnati perchè la mamma lo ha portato con sé al mio concerto – firmato Lorenzo Jova

Oppure, restando in politica:

Caro insegnante, non rompa le scatole, ieri Franceso era con me! – firmato Beppe Grillo.

Insomma, forse è il caso di dire: meno male che scuola sta finendo!

 

L'autore di questo post

Specialista in crollo di librerie, appassionata di storie tanto da credere di viverne una ogni giorno. Siciliana, mamma, webwriter. Parlo poco e sorrido molto. Questa sono io.

Nessun commento su "La giustificazione VIP"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *