Kids, mi sa che vi mancherà Ray Bradbury

Probabilmente avrete sentito o letto che ieri si è spento un grande scrittore americano, Ray Bradbury. 

Noi ci teniamo ad avere Kiddies ben informati e così vi spieghiamo chi era. Innanzitutto si può definire come l'antesignano di ciò che oggi è definito fantascienza. Il suo romanzo più famoso s'intitola Fahrenheit 451, scritto tra il 1953 e il 1956 ed è ambientato in un imprecisato futuro dopo il 1960. 

In questo ipotetico futuro leggere libri è considerato un reato e i pompieri anzichè spegnere incendi sono addetti alla loro distruzione, essi, infatti, si occupano di dar fuoco alle immense pile di libri sequestrati a tutto il genere umano con accuratissime perquisizioni.

Il clima in cui si vive è quello del terrore. La gente è invitata a stare davanti la tv, unico tipo di svago concesso, ma tutti i programmi in realtà servono a fare una specie di lavaggio del cervello per aggiogare e tenere buoni uomini donne e bambini.

Il protagonista, Guy Montag, è appunto un vigile del fuoco, ma, un giorno fa qualcosa che non dovrebbe fare, prende in mano un libro e ne legge qualche pagina. Sarà la sua rovina, perché da quel momento in poi no ne potrà più fare a meno e comincerà a leggerli di nascosto. Sua moglie però lo denuncerà e Montag sarà costretto a bruciare la sua stessa casa e a fuggire via.

Cercando un nascondiglio sicuro, Montag s'imbatte in un gruppo di persone, anche loro costrette a fuggire perchè hanno imparato dei libri a memoria, l'unico modo che avevano a disposizione per salvarli.

Ecco ragazzi, adesso conoscete anche voi una parte del grande genio di Ray Bradbury: state tranquilli, non vi ho raccontato proprio tutto, ma spero di essere riuscita a farvi scoprire un altro libro da leggere, uno di quelli v'incendierà il cuore.

L'autore di questo post

Specialista in crollo di librerie, appassionata di storie tanto da credere di viverne una ogni giorno. Siciliana, mamma, webwriter. Parlo poco e sorrido molto. Questa sono io.

Nessun commento su "Kids, mi sa che vi mancherà Ray Bradbury"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *