Il lamento dell'acqua

Allora kidz, siete pronti per un nuovo anno all’insegna delle storie? Sapete dove si trova la Palestina? È da lì che viene la storia di oggi, da quell’antica e controversa terra tra il mar Mediterraneo e il fiume Giordano, il titolo è Il Lamento dell’acqua:

«Un giorno il Sultano e il suo visir (ossia il suo consigliere più importante) andarono a fare una passeggiata nei boschi. Giunti a una radura, raccolsero un po’ di legna e fecero un bel fuoco su cui, per ristorarsi, fecero bollire dell’acqua presa dal fiume. Mentre l’acqua bolliva, la sentirono cantare e piangere.

“Cosa dice l’acqua?” chiese il sultano al visir. Ma questi non seppe che rispondere.

Il sultano si adirò: “Se non sarai in grado di dirmi cosa dice l’acqua, ti farò tagliare la testa. E ora vai, hai quaranta giorni di tempo per scoprirlo”.
Il visir si allontanò impaurito e preoccupato. Dove poteva trovare qualcuno che gli svelasse le parole dell’acqua? Decise di vestirsi da derviscio e cominciò a girare per tutta la regione. Nei paesi la gente lo accoglieva sempre bene, gli offriva da mangiare e da bere, ma appena si azzardava a chiedere cosa dicesse l’acqua, tutti lo guardavano come se fosse un pazzo.
Un giorno un taglialegna gli fece preparare un pranzo da sua figlia. La figlia preparò dodici uova, una pagnotta e una brocca d’acqua e disse al padre: “Padre mio, dà queste cose che ho preparato al derviscio, e digli -L’anno contiene dodici mesi, la luna è piena e il mare è colmo –
E così fece il taglialegna quando diede le offerte al derviscio. Ma questi rispose: “Ringrazia tua figlia, e dille che l’anno contiene undici mesi, la luna non è piena e il mare non è colmo”.
Il taglialegna tornò dalla figlia e le riferì il messaggio, e lei lo rimproverò: “Padre mio, che hai fatto?”.

Il taglialegna confessò: “Avevo fame, e ho mangiato un uovo, un pezzo di pane e ho bevuto un sorso d’acqua”.
Ma intanto il derviscio pensava: – Sicuramente questa ragazza può dirmi cosa dice l’acqua – Quando rivide il taglialegna si fece accompagnare da sua figlia:

“Ti prego, fanciulla, dimmi cosa dice l’acqua e cosa significa il suo canto sul fuoco, altrimenti il sultano mi farà tagliare la testa”.
“Non te lo dirò mai, lo dirò solo al sultano in persona”.
Così decisero di partire e di recarsi dal sultano, il visir, il taglialegna e sua figlia. Il sultano le chiese: “Dimmi, ragazza, cosa dice l’acqua quando è sul fuoco”.

Ma lei rispose: “Mio sovrano, te lo dirò solo dopo che mi avrai sposata”.
Il sultano non voleva sposare la figlia di un umile taglialegna, ma il consiglio dei saggi gli chiese di farlo, per salvare la vita al visir.
Il giorno dopo le nozze, quindi, il sultano chiese alla ragazza che era diventata sua moglie: “Dimmi, ti prego, che cosa dice l’acqua mentre bolle sul fuoco”.
E lei rispose: “L’acqua parla e dice: ‘io vengo per prima, corro nel fiume, abbevero gli alberi e le loro radici, e poi il loro fuoco mi scotta’.

Questo vuol dire che l’acqua, che è stata tanto generosa con la legna, la rimprovera per ricompensarla così male”.

Il sultano fu così contento della risposta che disse: “Adesso tu sei sultana come io sono sultano”»

Così come l’acqua è importante quanto la legna, anche la figlia di un povero taglialegna può, grazie alla sua furbizia e alla sua saggezza, aspirare a diventar Sultana.

L'autore di questo post

Specialista in crollo di librerie, appassionata di storie tanto da credere di viverne una ogni giorno. Siciliana, mamma, webwriter. Parlo poco e sorrido molto. Questa sono io.

Nessun commento su "Il lamento dell'acqua"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *