Il castello dei Cavalieri, un libro per esploratori

81hPP0NcbFLL’attività del leggere non comprende solo un aspetto, cioè quello che tutti noi ci figuriamo in mente: lo stare col capo chino e gli occhi impercettibilmente scossi a immaginare altri mondi più felici del nostro.

No, soprattutto quando si è bambini leggere è multidirezionale, anzi multitasking! Allo stesso momento il cervello si allena a immaginare, capire, applicare al concreto quando respiriamo dalla carta sotto il naso. Questo vale ancora di più con i libri pop-up, ad esempio, come Il Castello dei Cavalieri di Giunti Kids.

L’esplorazione diviene qui un valore aggiunto meraviglioso. Il castello medievale che spunta maestoso dalla copertina rigida è costruito in modo leggiadro e super particolareggiato, dopo essermelo girato e rigirato tra le mani sono certa di non averne catturato ancora tutti i dettagli (che delizia l’edera alle finestre).

E poi i due lati, i libretti nel libro, uno esplicativo, l’altro maggiormente interattivo, mi hanno fatto subito ricordare delle domeniche pomeriggio in giro per case di zii e parenti, in cui avrei voluto solo un libro così tra le mani, con cui dialogare, da prosciugare e, prima di sera, da conoscere a menadito.

Un’esperienza di lettura, gioco ed esplorazione promossa a pieni voti!

L'autore di questo post

Scrivo testi, immagino mondi.

Nessun commento su "Il castello dei Cavalieri, un libro per esploratori"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *