Gli speciali di Osamu Tezuka

8016573013110

Se si vuole proporre ai propri figli, magari non piccolissimi, o anche ai propri allievi a scuola dei film di animazione diversi da Disney e dalle solite animazioni computerizzate che vanno per la maggiore oggi, si potrebbe optare per gli speciali televisivi di Osamu Tezuka, il papà anzi il nonno dell’animazione giapponese, disponibili per Yamato video dopo essere stati trasmessi anche sulle reti televisive italiane a pezzi e bocconi negli anni Ottanta.
Sei film, realizzati tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta, in cui Osamu Tezuka, scomparso nel 1989, strizza l’occhio ai suoi fan proponendo i suoi personaggi più celebri come guest star, e nello stesso tempo fa riflettere su tematiche come il pacifismo, la lotta all’inquinamento,  la condanna del nucleare, l’antivivisezionismo, in maniera comunque non retorica, ma sono film che si possono vedere per distrarsi ma che fanno comunque pensare.
Le avventure di Bander del 1978 parla di condanna alle guerre, di razzismo, di ambiente, Marine Express del 1979 fa riflettere sul pericolo delle cosiddette grandi opere tecnologiche, Fumoon del 1980 mostra la natura distrutta dagli esperimenti nucleari e ricorda che per lo stesso motivo anche gli esseri umani possono essere in pericolo, I quattro di Brema del 1981 ricorda le conseguenze tragiche delle guerre sulla popolazione civile,  Bagi del 1984 condanna senza appello ogni esperimento di vivisezione sugli animali, Prime Rose dello stesso anno sottolinea ancora una volta pacifismo e antinucleare.
Una serie di film in cui senz’altro chi era bambino o ragazzino quando c’era la prima grande ondata di cartoni animati giapponesi ritroverà qualcosa di sé, ma che possono appassionare e presentare un’alternativa di storie, in cui il fantastico è un pretesto per parlare senza annoiare del nostro oggi, di dove vogliamo andare, di come possiamo migliorare.

L'autore di questo post

Nessun commento su "Gli speciali di Osamu Tezuka"

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *